Venipedia®

La chiesa di S.Maria del Giglio o S. Maria Zobenico venne costruita nel X secolo per commissione della famiglia Jubanico.

Di particolare importanza è la sua facciata, opera dell'architetto Giuseppe Sardi da Morcote, dove troviamo le statue dei fratelli Barbaro, Gianmaria statista, Marino senatore, Francesco ammiraglio  e  Carlo statista, oltre alla statua di Antonio Barbaro.

Si possono ammirare anche dei bassorilievi di piante di città tra cui Zara in Dalmazia, Padova, Roma, Corfù,  Spalato e Candia nell'isola di Creta.

Inizialmente venne costruita con tre navate ma successivamente, causa la sua distruzione dovuta a due incendi, venne ricostruita ad una singola navata con il presbiterio centrale e le cappelle laterali.

Al suo interno il dipinto di Peter Paul Rubens raffigurante la “Madonna col Bambino e San Giovannino”, due dipinti di Jacopo Tintoretto raffiguranti i quattro evangelisti, quali “Marco e Giovanni” e "Luca e Matteo”, una tela di Giuseppe Porta detto il Salviati intitolta “L'Annunciazione" oltre alle quattordici stazioni della Via Crucis, con opere di Gaspare Diziani e Jacopo Marieschi.

Galleria immagini

La Chiesa di Santa Maria del Giglio

Viaggiare è meraviglioso, se viaggi nella conoscenza lo è doppiamente. Con Venipedia Supporter ricevi la newsletter Cinque dall'Enciclopedia, ogni lunedì alle 9 in punto. In più è un buon modo per aiutarci a rendere questo viaggio insieme sempre più partecipativo, confortevole, utile e stimolante: nella conoscenza, nella scoperta, nell’esplorazione, nella bellezza, nell’ispirazione e in quanto può migliorare il futuro di tutti noi. Giorno dopo giorno. Supporta la qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati a Venipedia Supporter

Venipedia Supporter è un abbonamento annuale che ti dà accesso a servizi aggiuntivi (come la newsletter Cinque dall'Enciclopedia e l'area La tua voce, che si rinnova automaticamente alla scadenza se non decidi di disdirlo o sospenderlo, dalla tua area personale (devi avere un account Venipedia).

Leggi anche