Venipedia®

La costruzione, voluta da Giovanni Pesaro, uno degli esponenti della nobile famiglia omonima, fu affidata a Baldassarre Longhena.

I lavori iniziarono nel 1652 e si conclusero nel 1710 sotto la direzione di Antonio Gaspari (Longhena morì nel 1682).

Il progetto originale prevedeva, tra le altre cose, uno scalone ad interrompere l’androne, un cortile interno comprendente un loggiato e la parte di servizio.
Gaspari, in seguito, modificò il progetto eliminando sia lo scalone che il cortile e, soprattutto, cambiò l'affaccio laterale del palazzo verso il Rio delle Due Torri.

Il soffitto del piano nobile un tempo era decorato dalla tela “Zefiro e Flora” di Gianbattista Tiepolo (attualmente ospitata dal museo di Ca’ Rezzonico), mentre la collezione di quadri di Pietro Pesaro (ultimo erede del casato dei Pesaro) fu venduta nei primi anni dell’Ottocento.

L'edificio passò di mano in mano a diversi proprietari e nel 1889, per volere dell’allora proprietaria, la duchessa Felicita Bevilacqua La Masa, il palazzo fu donato alla città, a condizione che venisse utilizzato allo scopo di promuovere l’arte, principalmente come luogo di esposizione per artisti poveri e poco noti.

La cura delle decorazioni non si è fermata alla facciata, come normalmente succede, ma si è spinta anche lungo il lato che costeggia il rio delle Due Torri (un tempo erano presenti due torrette, appunto, che costituivano parte integrante del palazzo antico dei Pesaro); la facciata principale ha una notevole rilevanza architettonica che prevede da una parte un certo rigore geometrico e dall'altro un turbinio di elementi ornamentali tipici del barocco (chiaroscuri e giochi di luce).

Attualmente è la sede del Museo Nazionale d’Arte Orientale e della Galleria d’Arte Moderna.

Galleria immagini

Portale sul Canal Grande

Sfrutti a pieno i contenuti e la qualità di Venipedia, contribuisci a creare un futuro migliore grazie a Venipedia Virtuosa. Puoi disdire quando vuoi. Abbonati alla qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno (offerta limitata)

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati

Ottieni il massimo, rendi migliore il futuro. Attivamente.
Il tuo abbonamento ci aiuta a supportare le realtà meritevoli e contribuisce a creare un futuro migliore per tutti, grazie a Venipedia Virtuosa: insieme a noi, contribuisci infatti alla piantumazione costante di nuovi alberi in Amazzonia e allo sviluppo di nuove tecnologie per la rimozione del carbonio dall’atmosfera.

Nessun vincolo richiesto, puoi disdire quando vuoi.
Il tuo sistema di pagamento verrà addebitato automaticamente, in anticipo. Tutti gli abbonamenti si rinnovano automaticamente. Puoi disdire quando vuoi prima del successivo rinnovo. Gli abbonamenti rinnovati non sono rimborsabili. In caso di disdetta successiva alla data di rinnovo, avrai accesso per tutto il periodo attivo fino alla data di rinnovo successiva prevista, dopo la quale non avrai più accesso e nessun ulteriore importo ti sarà addebitato. Offerte e prezzi sono soggetti a cambiamento senza nessun preavviso.

Leggi anche