Venipedia®

Proteggere le opere d'arte dal cambiamento climatico. In un’epoca in cui la certezza di un clima sempre più critico è diventata realtà, dove il rischio di inondazioni più frequenti e più intense obbliga tutte le realtà costiere a fare i conti con piani di adattamento e mitigazione, anche le opere d’arte sono a rischio.

Nel 2019, Venezia ha vissuto un’ondata di marea eccezionale che ha messo in ginocchio la città e la sua laguna, e moltissime istituzioni culturali, insieme alle opere da loro conservate. Il Louvre non è certo situato in una zona costiera, ma si trova comunque in un’area a rischio, in un terreno basso lungo le rive del fiume Senna per cui si prevede un’aumento probabile di inondazioni del 40%, a causa del cambiamento climatico.

Nel 2016, le inondazioni a Parigi sono state così gravi che il museo ne è stato minacciato, provocando un’operazione di emergenza — 24 ore su 24 — per avvolgere, imballare e trasportare migliaia di opere d’arte dal suo deposito ad un livello più elevato. Circa 250.000 opere sono attualmente immagazzinate in 68 luoghi diversi, sia all'interno del palazzo del Louvre — principalmente nelle zone a rischio di alluvione — sia altrove in spazi di stoccaggio temporanei in attesa di una soluzione permanente.

Dopo aver scartato l’idea di costruire una soluzione a Parigi, troppo costosa e non praticabile, il museo francese l’ha individuata nella cittadina di Liévin, nei pressi di Lens — dove si trova già il museo Louvre-Lens.

Louvre Conservation Center (Rogers Stirk Harbour + Partners / Joas Souza Photographe)

Una nuova casa, sicura, per circa 250.000 oggetti e opere d'arte. Il Louvre Conservation Center, progettato dallo studio d’architettura britannico Rogers Stirk Harbour + Partners, è stato inaugurato l’8 ottobre 2019 e per la sua ampiezza lo rende uno dei centri di studio e ricerca più grandi d’Europa. Qui, entro il 2024, saranno trasportate le circa 250.000 opere a rischio, di cui più di 100.000 sono già state messe al sicuro dall’inaugurazione. L'operazione di trasferimento più imponente nella storia del Louvre.

Il Centro consentirà di riunire le collezioni dagli attuali 68 siti di deposito in un unico spazio funzionale per fornire condizioni di conservazione ottimali e migliorare l'accesso per la comunità scientifica. Diventa anche un'opportunità per modernizzare la conservazione, lo studio e le condizioni di lavoro per i ricercatori e per riconsiderare come sono organizzate le collezioni di riserva. Questo progetto si muove parallelamente al piano di creazione di magazzini a prova di inondazione, per ogni dipartimento, dello stesso palazzo del Louvre (per lavori in transito, lavori di sostituzione del prestito, ecc.), Nonché gallerie di studio nelle collezioni permanenti.

Il substrato di sabbia calcarea sopra a roccia altrettanto calcarea su cui è costituito il Centro, assorbe le precipitazioni in eccesso. E grazie ad uno speciale sistema di rilevamento delle perdite realizzato dalla società tedesca Progeo garantisce una doppia impermeabilizzazione del tetto. Sistemi di sicurezza complessi — come i cinque livelli di sicurezza tra il parcheggio e le aree di stoccaggio — proteggono da attacchi terroristici e incendi. Un’illuminazione verde brillante presente in tutta la struttura previene attacchi altrettanto dannosi da nemici naturali come il tarlo.

Le opere d'arte arrivano in un garage dove vengono scaricate e collocate in una camera temporanea al fine di acclimatarle all'ambiente circostante ed eliminare i contaminanti.

Aree di stoccaggio all'interno del Louvre Conservation Center (Rogers Stirk Harbour + Partners / Joas Souza Photographe)

Un edificio bioclimatico. L’energia è generata dalle pompe di calore, un terzo della quale proviene dalla geotermia, garantendo un alto livello di prestazione energetica. Il 75% dei rifiuti da costruzione è stato riciclato. Un grande prato fiorito si sviluppa sul tetto, seminato con 27 specie di piante.

L'acqua piovana viene raccolta da un sistema di grondaie sul tetto, convogliando il liquido in canalette intorno all'edificio prima di ritornare al suolo. La rete è abbastanza grande da gestire facilmente le piogge centenarie (idrologicamente parlando, quando ogni anno inizia statisticamente con l'1% di possibilità di essere soggetto ad una inondazione estrema che ne causa, ad esempio, l'esondazione di un fiume. È un dato basato sulle osservazioni storiche della zona. — quelli che provocano le inondazioni della Senna, per esempio) qualora dovessero verificarsi. Un filtro vegetale, composto da circa 100 alberi piantati, distingue visivamente l'edificio dal suo ambiente. L’essere costruito per buona parte sotto il suolo permette di mantenere una regolazione climatica interna in modo regolare, senza influenze dal clima esterno.

Un sollievo per le opere, ma anche per i ricercatori e per gli studiosi che possono effettuare ricerche approfondite sugli oggetti e le opere d’arte conservati nel Centro, lontano dalla ressa parigina e dalle preoccupazioni delle inondazioni.

Una spesa partecipata. Il budget operativo complessivo del progetto ammonta a 60 milioni di euro, escluse le spese immobiliari, di cui 42 milioni di euro per la costruzione. La ripartizione dei finanziamenti è la seguente: Musée du Louvre (34,5 milioni di euro — in gran parte dalla licenza del marchio concessa al Louvre Abu Dhabi), Unione Europea + FESR (ERDF) (18 milioni di euro), Regione Hauts-de-France (5 milioni di euro) e Ministero della Cultura (2,5 milioni di euro).

Anche l'area urbana di Lens-Liévin ha contribuito al progetto fino a 2,66 milioni di euro, che tiene conto dei costi di proprietà, degli studi preliminari e della manutenzione del sito. Ha anche fornito il terreno allo Stato, ad uso del Louvre, per un costo simbolico di 1 €.

I costi operativi del centro saranno interamente coperti dal Louvre, grazie a una parte degli interessi guadagnati dal Louvre Endowment Fund, che fornisce entrate costanti e sostenibili.

Altri musei si stanno muovendo similmente al Louvre: il British Museum sta attualmente costruendo futuri spazi di stoccaggio a Shinfield, a circa 80 km a ovest di Londra. E i Paesi Bassi stanno acquisendo un nuovo centro di raccolta ad Amersfoort, a circa 50 km da Amsterdam, a cui il Rijksmuseum sta contribuendo alla costruzione.

Viaggiare è meraviglioso, se viaggi nella conoscenza lo è doppiamente. Con Venipedia Supporter ricevi la newsletter Cinque dall'Enciclopedia, ogni lunedì alle 9 in punto. In più è un buon modo per aiutarci a rendere questo viaggio insieme sempre più partecipativo, confortevole, utile e stimolante: nella conoscenza, nella scoperta, nell’esplorazione, nella bellezza, nell’ispirazione e in quanto può migliorare il futuro di tutti noi. Giorno dopo giorno. Supporta la qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati a Venipedia Supporter

Venipedia Supporter è un abbonamento annuale che ti dà accesso a servizi aggiuntivi (come la newsletter Cinque dall'Enciclopedia e l'area La tua voce, che si rinnova automaticamente alla scadenza se non decidi di disdirlo o sospenderlo, dalla tua area personale (devi avere un account Venipedia).

Leggi anche