Venipedia®

Daniele Manin è stato senza dubbio una delle figure chiave dei moti risorgimentali del 1848-49 a Venezia.

Più di tutto, uno dei tratti distintivi della sua persona è il suo rapporto con la città e ancor più con i veneziani, che si sentivano legati a lui talmente da considerarlo quasi un padre. Ed è proprio in questo rapporto speciale che risiede la sua influenza più caratteristica verso i movimenti del Risorgimento a Venezia.

Il carattere di Manin si mostra subito nel suo temperamento fin quando viene eletto socio dell'Ateneo Veneto, giovanissimo, scegliendo per la sua prima conferenza un tema attuale e scomodo per i suoi tempi: la pena di morte. Nel 1827 — durante un'altra conferenza, questa volta sulla lingua veneta — conosce un altro socio dell'Ateneo Veneto accademico della Crusca e padre del Dizionario della Lingua Italiana, Niccolò Tommaseo, con cui stringerà un solido rapporto che contribuirà al successo della liberazione verso la dominazione asburgica.

Manin è l'uomo dei due mondi, capace di parlare alla borghesia grazie alla sua ampia preparazione culturale e alla sua partecipazione attiva nella cultura, nella politica e nella diplomazia della città e non solo — è lui infatti l'editore che pubblica il Dizionario del dialetto veneto del Boerio, che tutt'oggi costituisce fonte di riferimento sul tema — e intimamente in sintonia con gli animi più popolari, con cui riesce a costruire un rapporto solido e di estrema fiducia.

Così forte è la sua indubbia capacità di scrutarne i sentimenti e i desideri che ad uno scettico Tommaseo, in risposta al suo dubbio su cosa si attendesse da questo popolo incapace di sacrificio, Manin risponde:

Credetemi, nè voi nè alcuno conosce il popolo di Venezia. Esso è sempre stato giudicato molto male. Io mi vanto di conoscerlo, e questo è il mio solo merito.

Tratto da "Daniele Manin e la rivoluzione veneziana del 1848-49" 

Se da una parte, quindi, il dialogo con la borghesia era costruito su un linguaggio appropriato e adatto alle conferenze di alto livello, con il suo popolo Manin parlava in dialetto, usando parole semplici e comprensibili anche dalle persone meno colte, rivolgendo alla folla acclamante domande a cui essa poteva facilmente gridare con orgoglio una risposta:

Ho scoverto che vualtri no me amè (mille voci: si si si) ... Vu altri disè de sí cola boca, ma no col cuor ... (mille voci: si, si, si col cuor, col cuor, moltis­simi battevansi le mani al petto) ... Questa xe la terza volta che ve digo de an­dar via dalla piazza, e vu altri ghe sè ancora... Chi no ,va via, no xe mio amigo, e xe nemigo dell'Italia...

Tratto da "Daniele Manin e la rivoluzione veneziana del 1848-49" 

Il popolo apparteneva a Manin, il popolo affermava che Manin gli apparteneva.

Sfrutti a pieno i contenuti e la qualità di Venipedia, contribuisci a creare un futuro migliore grazie a Venipedia Virtuosa. Puoi disdire quando vuoi. Abbonati alla qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno (offerta limitata)

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati

Ottieni il massimo, rendi migliore il futuro. Attivamente.
Il tuo abbonamento ci aiuta a supportare le realtà meritevoli e contribuisce a creare un futuro migliore per tutti, grazie a Venipedia Virtuosa: insieme a noi, contribuisci infatti alla piantumazione costante di nuovi alberi in Amazzonia e allo sviluppo di nuove tecnologie per la rimozione del carbonio dall’atmosfera.

Nessun vincolo richiesto, puoi disdire quando vuoi.
Il tuo sistema di pagamento verrà addebitato automaticamente, in anticipo. Tutti gli abbonamenti si rinnovano automaticamente. Puoi disdire quando vuoi prima del successivo rinnovo. Gli abbonamenti rinnovati non sono rimborsabili. In caso di disdetta successiva alla data di rinnovo, avrai accesso per tutto il periodo attivo fino alla data di rinnovo successiva prevista, dopo la quale non avrai più accesso e nessun ulteriore importo ti sarà addebitato. Offerte e prezzi sono soggetti a cambiamento senza nessun preavviso.

Leggi anche