Venipedia®

Il teatro arrivò a Mestre alla fine del Settecento, ad opera dei fratelli Balbi e dell’architetto veneziano Maccaruzzi. Finalmente Mestre, all’epoca luogo di villeggiatura, si arricchì di uno spazio culturale. Caduta la Repubblica e interrotto il turismo, l’attività si spense ed il teatro viene demolito. 

Un secondo tentativo venne effettuato nel 1840, con la costruzione del teatro Garibaldi. Nonostante la buona affluenza, l’edificio non fu ritenuto all’altezza della crescente cittadina e venne chiuso nel 1908. 

Finalmente, nel 1912 presero avvio i lavori per la costruzione del nuovo teatro, ad opera dei fratelli Toniolo. L’inaugurazione avvenne nel 1913, con una rappresentazione del Rigoletto di Giuseppe Verdi, di cui si celebrò il centenario della nascita. 

Con la diffusione del cinema, il teatro venne attrezzato per le proiezioni, e rimase in attività nel corso di tutto il Novecento, nonostante le difficoltà. 

In tempi recenti, ha subito interventi di riqualificazione e restauro, sia architettonico che artistico. Al termine dei lavori, il teatro Toniolo è stato riconsegnato alla cittadinanza nel 2007 e tutt’oggi rappresenta uno dei punto di riferimento per la cultura e lo spettacolo a Venezia.

Viaggiare è meraviglioso, se viaggi nella conoscenza lo è doppiamente. Con Venipedia Supporter ricevi la newsletter Cinque dall'Enciclopedia, ogni lunedì alle 9 in punto. In più è un buon modo per aiutarci a rendere questo viaggio insieme sempre più partecipativo, confortevole, utile e stimolante: nella conoscenza, nella scoperta, nell’esplorazione, nella bellezza, nell’ispirazione e in quanto può migliorare il futuro di tutti noi. Giorno dopo giorno. Supporta la qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati a Venipedia Supporter

Venipedia Supporter è un abbonamento annuale che ti dà accesso a servizi aggiuntivi (come la newsletter Cinque dall'Enciclopedia e l'area La tua voce, che si rinnova automaticamente alla scadenza se non decidi di disdirlo o sospenderlo, dalla tua area personale (devi avere un account Venipedia).

Leggi anche