Venipedia®

Il teatro arrivò a Mestre alla fine del Settecento, ad opera dei fratelli Balbi e dell’architetto veneziano Maccaruzzi. Finalmente Mestre, all’epoca luogo di villeggiatura, si arricchì di uno spazio culturale. Caduta la Repubblica e interrotto il turismo, l’attività si spense ed il teatro viene demolito. 

Un secondo tentativo venne effettuato nel 1840, con la costruzione del teatro Garibaldi. Nonostante la buona affluenza, l’edificio non fu ritenuto all’altezza della crescente cittadina e venne chiuso nel 1908. 

Finalmente, nel 1912 presero avvio i lavori per la costruzione del nuovo teatro, ad opera dei fratelli Toniolo. L’inaugurazione avvenne nel 1913, con una rappresentazione del Rigoletto di Giuseppe Verdi, di cui si celebrò il centenario della nascita. 

Con la diffusione del cinema, il teatro venne attrezzato per le proiezioni, e rimase in attività nel corso di tutto il Novecento, nonostante le difficoltà. 

In tempi recenti, ha subito interventi di riqualificazione e restauro, sia architettonico che artistico. Al termine dei lavori, il teatro Toniolo è stato riconsegnato alla cittadinanza nel 2007 e tutt’oggi rappresenta uno dei punto di riferimento per la cultura e lo spettacolo a Venezia.

Sfrutti a pieno i contenuti e la qualità di Venipedia, contribuisci a creare un futuro migliore grazie a Venipedia Virtuosa. Puoi disdire quando vuoi. Abbonati alla qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno (offerta limitata)

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati

Ottieni il massimo, rendi migliore il futuro. Attivamente.
Il tuo abbonamento ci aiuta a supportare le realtà meritevoli e contribuisce a creare un futuro migliore per tutti, grazie a Venipedia Virtuosa: insieme a noi, contribuisci infatti alla piantumazione costante di nuovi alberi in Amazzonia e allo sviluppo di nuove tecnologie per la rimozione del carbonio dall’atmosfera.

Nessun vincolo richiesto, puoi disdire quando vuoi.
Il tuo sistema di pagamento verrà addebitato automaticamente, in anticipo. Tutti gli abbonamenti si rinnovano automaticamente. Puoi disdire quando vuoi prima del successivo rinnovo. Gli abbonamenti rinnovati non sono rimborsabili. In caso di disdetta successiva alla data di rinnovo, avrai accesso per tutto il periodo attivo fino alla data di rinnovo successiva prevista, dopo la quale non avrai più accesso e nessun ulteriore importo ti sarà addebitato. Offerte e prezzi sono soggetti a cambiamento senza nessun preavviso.

Leggi anche