Venipedia®

Questo enorme complesso monumentale fu edificato indicativamente all'inizio del 1400 in un punto nevralgico della città: infatti, lungo queste fondamenta, c'era uno dei principali luoghi di approdo delle imbarcazioni che portavano materiali e merci a Venezia. La prima data certa dell'esistenza dell’edificio risale al 20 ottobre 1531, come ha testimoniato il Sanudo nei suoi Diari, ed è riportata in un decreto della Serenissima che autorizzava l'avvio al restauro del luogo per evitare il cedimento di parte delle coperture.

Le motivazioni che portarono alla costruzione di questo fabbricato sono chiare: c'era l'esigenza di depositare enormi quantità di sale, in speciali magazzini — detti Saloni — particolarmente robusti nelle strutture portanti perimetrali in grado di reggere l’enorme peso del prodotto accumulato.

La facciata è ad unico piano e sviluppata in lunghezza, con nove grandi portali sormontati da altrettante finestre a mezzaluna; sopra è presente la scritta Emporio dei Sali.

Tra il 1835 e il 1838, il complesso venne restaurato e valorizzato nella forma attuale dall'architetto e accademico Giovanni Alvise Pigazzi — allievo del più noto Giannantonio Selva — quando ancora rappresentava un'importante fonte di commercio per la città lagunare.

Nel XX secolo, quando l'attività venne dismessa, tutto lo stabile subì un periodo di decadenza e nel 1960 divenne di proprietà comunale. Attualmente, questo complesso ospita — su allestimento di Renzo Piano e commissione della Fondazione Emilio e Annabianca Vedova — una mostra permanente di Emilio Vedova.

Galleria immagini

I magazzini del sale.

Sfrutti a pieno i contenuti e la qualità di Venipedia, contribuisci a creare un futuro migliore grazie a Venipedia Virtuosa. Puoi disdire quando vuoi. Abbonati alla qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno (offerta limitata)

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati

Ottieni il massimo, rendi migliore il futuro. Attivamente.
Il tuo abbonamento ci aiuta a supportare le realtà meritevoli e contribuisce a creare un futuro migliore per tutti, grazie a Venipedia Virtuosa: insieme a noi, contribuisci infatti alla piantumazione costante di nuovi alberi in Amazzonia e allo sviluppo di nuove tecnologie per la rimozione del carbonio dall’atmosfera.

Nessun vincolo richiesto, puoi disdire quando vuoi.
Il tuo sistema di pagamento verrà addebitato automaticamente, in anticipo. Tutti gli abbonamenti si rinnovano automaticamente. Puoi disdire quando vuoi prima del successivo rinnovo. Gli abbonamenti rinnovati non sono rimborsabili. In caso di disdetta successiva alla data di rinnovo, avrai accesso per tutto il periodo attivo fino alla data di rinnovo successiva prevista, dopo la quale non avrai più accesso e nessun ulteriore importo ti sarà addebitato. Offerte e prezzi sono soggetti a cambiamento senza nessun preavviso.

Leggi anche