Venipedia®

La costruzione fu voluta dalla potente e facoltosa famiglia Venier (che regalò a Venezia ben 3 dogi) e fu progettata dall'architetto Lorenzo Boschetti nel 1748 di cui attualmente è possibile vedere un modello in legno al Museo Correr; l'edificio sarebbe diventanto ancora più grandioso di quello dei Corner della Cà Granda con i quali, al tempo, si instaurò una forte competizione.

Per motivi ignoti, il palazzo rimase incompiuto (denominato dal popolo maifinìo, traducibile in italiano come "mai finito", appunto) e il motivo della nominazione dei leoni pare sia attribuibile al fatto che i Venier possedevano un leone chiuso in gabbia nel loro fantastico giardino.

Successivamente a questa prestigiosa famiglia, numerosi furoni gli ammiratori di questo palazzo ma in particolare, le sorti di questo edificio furono legate, a partire dal 1949, ad un'eccentrica e ricca signora innamorata di Venezia, appassionata di arte moderna e amante della bella vita: Peggy Guggenheim.

Il palazzo oggi è infatti sede della Collezione Peggy Guggenheim.

 

Galleria immagini

La vista di Palazzo Venier dei Leoni sul Canal Grande

Viaggiare è meraviglioso, se viaggi nella conoscenza lo è doppiamente. Con Venipedia Supporter ricevi la newsletter Cinque dall'Enciclopedia, ogni lunedì alle 9 in punto. In più è un buon modo per aiutarci a rendere questo viaggio insieme sempre più partecipativo, confortevole, utile e stimolante: nella conoscenza, nella scoperta, nell’esplorazione, nella bellezza, nell’ispirazione e in quanto può migliorare il futuro di tutti noi. Giorno dopo giorno. Supporta la qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati a Venipedia Supporter

Venipedia Supporter è un abbonamento annuale che ti dà accesso a servizi aggiuntivi (come la newsletter Cinque dall'Enciclopedia e l'area La tua voce, che si rinnova automaticamente alla scadenza se non decidi di disdirlo o sospenderlo, dalla tua area personale (devi avere un account Venipedia).

Leggi anche