Venipedia®

L'edificio — dedicato alle quattro vergini di Aquileia: Eufemia, Dorotea, Tecla ed Erasma rese martiri dall'imperatore romano Nerone  rappresenta la costruzione più antica della Giudecca e una delle più datate di Venezia.

Pare esser stata costruita, per la prima volta, nell'865 e — tra le varie sistemazioni — venne rifabbricata nel 1100. Nel 1380, le spoglie delle martiri, precedentemente deposte a Grado per 400 anni, vennero posizionate sotto all'altare maggiore.

Oltre a questa ristrutturazione, la chiesa subì altre modificazioni nel Seicento e nel Settecento, ed oggi la ritroviamo con una pianta basilicale a tre navate suddivise da due colonnati con belli e antichi capitelli del XI secolo; la facciata, semplice e spoglia a capanna, è tripartita da due lesene ed illuminata da finestre semicircolari. Il portale è sormontato da un bassorilievo raffigurante La Vergine col Bambino tra San Rocco e Sant'Eufemia attribuito allo scultore Bregno.

Alla destra della chiesa, è presente un portico architravato mentre dietro è presente un campanile alto all'incirca 20 metri.

Galleria immagini

Immagine della chiesa intera.
targa dedicata alla chiesa
veduta prospettica della Chiesa di Sant'Eufemia

Viaggiare è meraviglioso, se viaggi nella conoscenza lo è doppiamente. Con Venipedia Supporter ricevi la newsletter Cinque dall'Enciclopedia, ogni lunedì alle 9 in punto. In più è un buon modo per aiutarci a rendere questo viaggio insieme sempre più partecipativo, confortevole, utile e stimolante: nella conoscenza, nella scoperta, nell’esplorazione, nella bellezza, nell’ispirazione e in quanto può migliorare il futuro di tutti noi. Giorno dopo giorno. Supporta la qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati a Venipedia Supporter

Venipedia Supporter è un abbonamento annuale che ti dà accesso a servizi aggiuntivi (come la newsletter Cinque dall'Enciclopedia e l'area La tua voce, che si rinnova automaticamente alla scadenza se non decidi di disdirlo o sospenderlo, dalla tua area personale (devi avere un account Venipedia).

Leggi anche