Venipedia®

Un autodidatta diventato il padre e il pioniere dell'archeologia lagunare, un importante studioso che ha permesso la ricostruzione della storia delle origini di Venezia e degli insediamenti romani risalenti al I° secolo, realtà che fino al suo arrivo era praticamente sconosciuta dalle fonti ufficiali.

Un uomo che ha vissuto moltissime esperienze, di vita e professionali, che ancora oggi ha tanto da insegnare.

Dimmi di più

Ernesto Canal, detto Tito, nasce nel 1924 in una famiglia di antica origine patrizia, considerata alla fine della repubblica tra i barnaboti (famiglie originarie impoverite). Il padre ha una fonderia a Cannaregio, dove si lavorano metalli ma anche vetro di Murano, mentre la zia è custode al museo Correr. Proprio qui, Canal inizia a coltivare la propria passione per l'esplorazione, scoprendo mondi sconosciuti nelle soffitte del museo.

Durante il periodo di guerra, in cui Tito risulta disertore per i tedeschi, rimane nascosto e chiuso un anno intero in casa: un'esperienza che gli ha procurato un senso di vertigini quando ha iniziato ad uscire all'aria aperta. Vertigini che sparivano solo salendo in barca: «così io stavo li, anche quando era solo attraccata alla riva di casa».

I suoi primi 10 anni di attività sono dedicati a perlustrare l'intera laguna palmo a palmo, o come direbbe lui ghebo a ghebo, insieme a pescatori locali e al suo amico Archimede d'Iseppi; esperienza che gli ha permesso di conoscere ogni singola sfumatura e increspatura lagunare. La sua collaborazione con pescatori e abitanti del luogo sarà discriminante nel suo approccio alla ricerca e all'archeologia. Solo successivamente, all'età di 16 anni, si appassiona ad una diatriba tra studiosi sulle origini di Venezia, romane o medievali, che lo spinge ad approfondire l'argomento e ad avviare così definitivamente la sua carriera di pioniere dell'archeologia lagunare.

Altro incontro fondamentale è quello con Wladimiro Dorigo, all'epoca docente di storia di Ca' Foscari. Dorigo accompagnerà Canal in alcune uscite in laguna, incoraggiandone il lavoro di ricerca e scavo ed invitandolo a documentare le proprie scoperte. Ernesto arriva così alle scoperte di Costanziaca, San Lorenzo di Ammiana, Santa Maria cava: decine di isole scomparse e oltre 700 siti archeologici dove troverà vari reperti che testimoniano la presenza dei primi abitanti lagunari. Troverà frecce tardo neolitiche, monete, vetri, anfore, pavimentazioni, barche e moltissime altre cose che consegnerà alla Soprintendenza: oltre 90.000 pezzi che gli varranno il titolo, nel 1971, di ispettore onorario della Soprintendenza.

Tra le molte scoperte recenti, una delle più emozionanti è stata la villa romana di Lio Piccolo, con intonaci floreali arricchiti da uccelli e spirali. Un ritrovamento che arriva in seguito al rilevamento di numerose "case delle vacanze, ovvero ville a baia costruite lungo il canale che da San Lorenzo d'Ammiana portava ad Altino, battezzato il "Canal Grande dei romani".

Quest'ultima esperienza ha portato Canal a teorizzare la presenza di insediamenti lagunari databili al 1600 a.C., la cui trasmissione storica non era stata possibile a causa dell'innalzamento cilcico della marea che ogni 500 anni si alza ed aveva inglobato e sommerso isole e barene. La teoria di Canal è supportata da numerosi storici e archeologi e rappresenta un fondamento cruciale dell'archeologia veneziana.

L'archivio delle scoperte dell'archeologo ha dimostrato come la laguna di un tempo, di Venezia prima di Venezia, fosse lastricata di vere e proprie strade pavimentate, ville, capanne, barche, carri e ogni altra testimonianza di insediamenti romani.

Canal è uno studioso unico, tanto appassionato della ricerca da spendere somme ingenti in esami al Carbonio 14 su alcuni reperti, in magnetometri, in ecoscandagli e varie altre attrezzature pioneristiche e utili allo scopo. Uno studioso con un tale amore per la laguna ed il patrimonio in essa sommerso da vivere con rabbia tutti i lavori per la costruzione di valli da pesca e nuove vie d'acqua, cause inevitabili di distruzione di parte di questo patrimonio lagunare.

Nella sua casa sono conservate ancora molte di queste attrezzature, libri, i documenti delle sue ricerche ed una carta di Venezia che documenta le sue scoperte.

(mt)

Galleria immagini

Backstage dell'intervista a Ernesto Tito Canal, fatta con Maurizio Crovato.
Backstage dell'intervista a Ernesto Tito Canal, fatta con Maurizio Crovato.
Backstage dell'intervista a Ernesto Tito Canal, fatta con Maurizio Crovato.
Backstage dell'intervista a Ernesto Tito Canal, fatta con Maurizio Crovato.
Tito Canal, Veneziano dell'anno 2013, premiato al teatro La Fenice
Associazione Settemari premia il Veneziano dell'anno al teatro La Fenice
Tra il pubblico, il Veneziano dell'anno 2012 Fabrizio Tamburini, l'ex moglie di Canal Sally Spector e la sorella Anna Canal
Il sindaco Orsoni interviene alla premiazione del Veneziano dell'anno 2013 - Ernesto Tito Canal - Teatro La Fenice
Sala gremita per la premiazione di Canal come Veneziano dell'anno
Lettura della pergamena ufficiale
Consegna della medaglia e della pergamena ad Anna , sorella di Ernesto Canal
Proiezione della video intervista di Ernesto Canal alla cerimonia di premiazione al teatro La Fenice

Leggi anche