Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Tempo di lettura: 2 minuti

Luogo di culto speciale per i veneziani, sia dal punto di vista storico-artistico essendo interamente coperto da marmi policromi, sia da quello "affettivo": é, infatti, l'unica chiesa ideata, eretta e decorata da un unico grande artista, l'architetto svizzero-italiano Pietro Lombardo.

Venendo da Campo dei miracoli, questa chiesa, raggiungibile da un piccolo ponte, sembra letteralmente incastonata tra case private e appartamenti, come un meraviglioso gioiello.

Nicolò di Pietro, su commissione del mercante toscano Francesco Amadi, realizzò, nel 1408, un'immagine della "Vergine con Bambino tra due Santi" e il relativo proprietario decise di collocare tale opera fuori della propria casa.

Subito questa immagine ritenuta sacra e miracolosa attirò molti devoti e il Senato della Repubblica impose al suo proprietario Amadi di trovargli un'altra sistemazione.
Ci fu una colletta tra la gente per raccogliere una somma suffiente alla realizzazione di una cappella dedicata alla Madonna.
Il lavoro di progettazione e costruzione venne affidato a Pietro Lombardo che iniziò le attività nel 1481 e furono terminati 8 anni dopo.

La facciata è costituita di due ordini di porticati scolpiti nel marmo e un caratteristico fronte semicircolare ricco di rosoni; sono evidenti due tipologie di croci, una più tradizionale nella parte centrale e due laterali più oridinali. Al di sopra dell'entrata, è presente una lunetta in cui è collocata un'immagine di "Madonna con Putto" scolpito sul marmo.

L’interno è a una sola navata rettangolare, con marmi riccamente decorati nel presbiterio sopraelevato; la celebre "Madonna col Bambino" è allocata sull’altare e recenti studi attribuiscono tale opera non a Nicolò di Pietro ma al veneziano Zanino di Pietro.

L’importante volta a botte è fregiata con cassettoni lignei raffiguranti cinquanta dipinti di profeti e patriarchi opera di Pier Maria Pennacchi.

Le monache, attraverso un passaggio sopraelevato non più esistente che collegava la chiesa con il vicino convento, occupavano il ben conservato coro ligneo (barco).

Anche le relique presenti all'interno della chiesa sono notevoli: giusto per citarne una, è presente la testa di san Teodoro martire. Per questo e per gli altri aspetti, questa chiesa viene considerata da molti seconda solo alla basilica di San Marco come ha affermato, giusto per farne un esempio, Flaminio Corner.

Altri luoghi da scoprire

Prima pubblicazione: Lunedì, 14 Maggio 2012 — Ultimo aggiornamento: Mercoledì, 13 Gennaio 2016

Missiva — La newsletter di Venipedia

Ricevi comodamente gli aggiornamenti, le anticipazioni e le novità di Venipedia nella tua casella postale.