Venipedia®

Tra i rarissimi documenti redatti e firmati da una donna e ancora conservati c’è un atto di vendita datato 16 aprile 1044 e redatto, con un’elegante e regolare minuscola carolina, da Alba, figlia di un grammatico italiano e moglie di Guifredus.

Sigla la pergamena di suo pugno “Alba femina scripsit”, scrivendo il suo nome in forma ben visibile, scandendo le lettere con grande modulo, tradendo forse un malcelato orgoglio per quella sua perizia, rara tra gli uomini e ancor più rara nelle donne.

La scrittura delle donne si rintraccia nelle transazioni di denari e oggetti, nell’amministrazione dei beni, attività che, specie nelle vedove, spronavano le donne a impadronirsene.

Arxiu Capitular de Vic (Catalogna), Calaix 6, n.m. 973b.

(tp)

Galleria immagini

Viaggiare è meraviglioso, se viaggi nella conoscenza lo è doppiamente. Con Venipedia Supporter ricevi la newsletter Cinque dall'Enciclopedia, ogni lunedì alle 9 in punto. In più è un buon modo per aiutarci a rendere questo viaggio insieme sempre più partecipativo, confortevole, utile e stimolante: nella conoscenza, nella scoperta, nell’esplorazione, nella bellezza, nell’ispirazione e in quanto può migliorare il futuro di tutti noi. Giorno dopo giorno. Supporta la qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati a Venipedia Supporter

Venipedia Supporter è un abbonamento annuale che ti dà accesso a servizi aggiuntivi (come la newsletter Cinque dall'Enciclopedia e l'area La tua voce, che si rinnova automaticamente alla scadenza se non decidi di disdirlo o sospenderlo, dalla tua area personale (devi avere un account Venipedia).

Leggi anche