Venipedia®

Il teatro, voluto dalla nobile società veneziana,  venne inaugurato il 16 Maggio del 1792. Per l’occasione furono rappresentati il dramma I giuochi d’Agrigento di Giovanni Paisiello ed il balletto Amore e Psiche di Onorato Viganò.

Nel 1813 i proprietari commissionarono a Gioachino Antonio Rossini l’opera “Tancredi” che ebbe in seguito un grande successo di pubblico. Tra gli altri grandi compositori che portarono le proprie opere sul palco vi furono Giuseppe Verdi (il suo "Nabucco" venne rappresentato per venticinque sere consecutive) e Richard Wagner (che vi presentò la prima italiana de "L’anello del Nibelungo" nel 1883).

Nel 1996, causa il famoso e tradici incendio, l’orchestra la Fenice venne ospitata temporaneamente dall’ex teatro di San Giovanni Grisostomo noto come Malibràn.

Dal 1930 venne sancita la collaborazione con la Biennale mediante l’organizzazione del Festival internazionale di musica contemporanea di Venezia.

La fama di importante e prestigioso teatro italiano non è solo legata alla bellezza della sua sala ma anche dalla capienza di mille posti a sedere, acustica ottimale, un’orchestra e un coro costituiti rispettivamente di 98 e 66 elementi. Ogni anno attira un ampio pubblico internazionale e locale, con le sue cento recite d’opera all’anno, una rinomata stagione sinfonica affidata ai migliori direttori internazionali, spettacoli di danza e concerti di musica da camera. 

Attualmente, l'arena è proprietà del Comune di Venezia mentre la gestione è affidata alla Fondazione Teatro La Fenice, un ente di diritto privato che conta tra i suoi soci lo Stato italiano, la Regione del Veneto, il Comune di Venezia e numerosi soggetti pubblici e privati; per le sue attività, utilizza anche il Teatro Malibran, attivo dal 1678. 

Galleria immagini

Facciata e ingresso principale del teatro.
Interno del Teatro La Fenice (collezione del Museo Correr)
Sale Apollinee: il palco.
Sale Apollinee: uno dei lampadari e un particolare del ballatoio.

Sfrutti a pieno i contenuti e la qualità di Venipedia, contribuisci a creare un futuro migliore grazie a Venipedia Virtuosa. Puoi disdire quando vuoi. Abbonati alla qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno (offerta limitata)

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati

Ottieni il massimo, rendi migliore il futuro. Attivamente.
Il tuo abbonamento ci aiuta a supportare le realtà meritevoli e contribuisce a creare un futuro migliore per tutti, grazie a Venipedia Virtuosa: insieme a noi, contribuisci infatti alla piantumazione costante di nuovi alberi in Amazzonia e allo sviluppo di nuove tecnologie per la rimozione del carbonio dall’atmosfera.

Nessun vincolo richiesto, puoi disdire quando vuoi.
Il tuo sistema di pagamento verrà addebitato automaticamente, in anticipo. Tutti gli abbonamenti si rinnovano automaticamente. Puoi disdire quando vuoi prima del successivo rinnovo. Gli abbonamenti rinnovati non sono rimborsabili. In caso di disdetta successiva alla data di rinnovo, avrai accesso per tutto il periodo attivo fino alla data di rinnovo successiva prevista, dopo la quale non avrai più accesso e nessun ulteriore importo ti sarà addebitato. Offerte e prezzi sono soggetti a cambiamento senza nessun preavviso.

Leggi anche