Venipedia®

La chiesa, di origini antichissime, è intitolata ai Santi Gervasio e Protasio, volgarmente San Trovaso.

Ricostruita, per la prima volta, nel 1028 per merito delle famiglie Barbarigo e Caravella, venne salvata dalla rovina; nel 1105 la chiesa subì un grave incendio e la conseguente rifabbricazione. La notte tra l'11 e il 12 settembre del 1583, improvvisamente, il luogo di culto precipitò e venne riedificato il giorno 26 luglio 1584; l'edificio fu eretto in soli sette anni con la struttura che ancora oggi conosciamo, con le due facciate in stile palladiano (sul presunto intervento da parte dell'architetto Palladio ci sono ancora oggi pareri discordanti) e venne consacrata il 22 luglio 1657 da Pietro Rossi, vescovo d'Ossero.

La parrocchia dei Santi Gervasio e Protasio nel 1810 ampliò la propria giurisdizione acquisendo la maggior parte delle aree appartenenti alla parrocchia di San Basilio, allora soppressa, ed alcune contrade della parrocchia, ancora superstite, dell'Angelo Raffaele.

La chiesa fu assoggettata a due vertici ecclesiastici: il patriarca di Grado ed il vescovo Olivolense; i dissapori tra i due furono all'ordine del giorno per cui nel 1041 arrivarono ad un concordato che avrebbe previsto una condivisione nell'elezione e nell'investitura del pievano e quest'ultimo sarebbe stato sottoposto a giuramento di fedeltà e di obbedienza ad entrambi i prelati.

All'interno dell'edificio, presenti le opere di Jacopo Palma il Giovane quali Madonna con Bambino in gloria adorata dai santi, Natività di Maria e Annunciazione, Crocifissione con le Marie di Domenico Tintoretto e Ultima cena di Jacopo Tintoretto.

Nella parrocchia di San Trovaso morì nel 1554 la celebre poetessa padovana Gaspara Stampa che visse una breve vita di dolore per un amore non corrisposto.

Sfrutti a pieno i contenuti e la qualità di Venipedia, contribuisci a creare un futuro migliore grazie a Venipedia Virtuosa. Puoi disdire quando vuoi. Abbonati alla qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno (offerta limitata)

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati

Ottieni il massimo, rendi migliore il futuro. Attivamente.
Il tuo abbonamento ci aiuta a supportare le realtà meritevoli e contribuisce a creare un futuro migliore per tutti, grazie a Venipedia Virtuosa: insieme a noi, contribuisci infatti alla piantumazione costante di nuovi alberi in Amazzonia e allo sviluppo di nuove tecnologie per la rimozione del carbonio dall’atmosfera.

Nessun vincolo richiesto, puoi disdire quando vuoi.
Il tuo sistema di pagamento verrà addebitato automaticamente, in anticipo. Tutti gli abbonamenti si rinnovano automaticamente. Puoi disdire quando vuoi prima del successivo rinnovo. Gli abbonamenti rinnovati non sono rimborsabili. In caso di disdetta successiva alla data di rinnovo, avrai accesso per tutto il periodo attivo fino alla data di rinnovo successiva prevista, dopo la quale non avrai più accesso e nessun ulteriore importo ti sarà addebitato. Offerte e prezzi sono soggetti a cambiamento senza nessun preavviso.

Leggi anche