Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Pietro Lando fu il 78° doge della Serenissima (1539-1545).

Aveva 77 anni (era nato nel 1462).

Quel giorno nevicava e la cerimonia per l’inaugurazione fu rimandata al giorno dopo.

Studiò filosofia a Padova  e aprì uno studio di avvocato a Venezia, si mise nel commercio marittimo con l’Oriente, fece esperienze come podestà in terraferma, comandò la flotta in Puglia, combattè in Romagna, a Faenza, nell’anno della Lega di Cambrai (1509) e venne fatto prigioniero. Rimase in carcere per tre anni.

Tornato libero ricevette altri incarichi e fu più volte ambasciatore.

Il 16 febbraio 1534 m.v. fu eletto alla carica più prestigiosa dopo quella del doge, cioè quella di procuratore di S. Marco de supra e in tale veste collaborò con il doge Andrea Gritti (1523-1538) di cui fu il successore.

Eletto doge, Pietro Lando impose la sua idea di purificare Venezia, tanto che persino l’Aretino smise i suoi panni e addirittura scrisse testi sacri, mentre prostitute e cortigiane incorsero nelle Leggi suntuarie che vietavano loro di indossare gioielli o portare abiti di seta.

Fu sepolto nella Chiesa di S. Antonino (Castello), chiesa che venne abbattuta nel 1807, durante la dominazione francese (1806-1814), per realizzare i Giardini di Castello. I resti del doge furono così perduti.

 

(gidi)

Altre persone da conoscere

Prima pubblicazione: Venerdì, 05 Aprile 2013 — Ultimo aggiornamento: Mercoledì, 19 Giugno 2013

Missiva — La newsletter di Venipedia

Ricevi comodamente gli aggiornamenti, le anticipazioni e le novità di Venipedia nella tua casella postale.