Venipedia®

Tempo di lettura: 2 minuti

Difficile l'individuazione di questo luogo di culto essendo ormai completamente inglobato dagli edifici abitativi; ciò che è immediatamente visibile, è il suo campanile che sovrasta i tetti delle case adiacenti.

E' posizionata lateralmente, quasi ai piedi del Ponte di Rialto, nelle vicinanze della Chiesa di San Salvador e del Fontego dei Tedeschi.

La chiesa, sorta nel IX secolo, fu dedicata inizialmente a San Demetrio di Tessalonica e, dopo la ristrutturazione del 1170 secolo, titolata a San Bortolomeo, santo noto per esser stato scuoiato vivo e decapitato. Non a caso, nella Cappella Sistina a Roma, nel Giudizio Universale, viene raffigurato mentre mostra la pelle del suo scuoiamento.

Nel Seicento la chiesa cominciò ad avere un forte declino, soprattutto nella sua veste esterna e fu sempre più nascosta dalla grandiosità del Ponte di Rialto in pietra fino a scomparire. Venne però rinnovata al suo interno fino a diventare quella che oggi conosciamo. Con l'ultimo intervento del 1723, venne avviata la fabbricazione del campanile che terminò nel 1755 per mano di Giovanni Scalfarotto e fu ristrutturato l'altare maggiore. Nel 1755 Gaetano Callido costruì l'organo mentre ai primi dell'800 venne ideata e realizzata la cupola a base ottagonale.

L'interno, a tre navate, è a croce latina e al suo interno ospitò la celebre Vergine del Rosario di Albrecht Dürer, ora conservata a Praga. Questo potrebbe essere una conferma del fatto che questo luogo di culto fu frequentato dalla comunità teutonica veneziana che lavorava nel vicino Fontego dei Tedeschi.

Altri luoghi da scoprire

Pubblicato: Lunedì, 05 Agosto 2013 — Aggiornato: Mercoledì, 25 Aprile 2018