Venipedia®

Cinque grandi finestre ad arco, che simboleggiano i cinque libri della Torà,  rendono la sinagoga italiana immediatamente riconoscibile fin dall'esterno. La più recente fra le sinagoghe del ghetto, deve la sua costruzione alla «Santa Comunità Italiana», proveniente in particolare da Roma, che la edificò nel 1575 come dichiara lo stemma al centro della facciata; l'edificio poi subì dei restauri nel 1739 e nel 1759. 

La struttura di ridotte dimensioni, in particolare nel suo primo piano, fa presupporre che vi sia stata dapprima una sala cerimoniale e di preghiera e che solo successivamente abbiano deciso di convertirlo nell'attuale luogo di culto. Anche l'architettura della facciata sembra avvalorare questa tesi essendoci due colonne e due pilastri in stile romano che si presume conducessero ad un atrio e ad una successiva sala ora demolita. 

«Umile in atto e con sicura fede / qui sue preci a depor venga ogni pio / ed ancor allora che volge altrove il suo piede / sempre tenga il pensiero rivolto a Dio» è l'iscrizione risalente all'Ottocento presente all'ingresso della Scola Italiana. 

Nell'atrio, prima di entrare nella sala di preghiera, si trova una fontanella per lavarsi le mani, una cassettina delle offerte e una lapide in ricordo del rabbino Itzhag Pacifici. La sala di culto è a forma rettangolare, come la maggior parte delle altre sinagoghe presenti nel territorio; il rivestimento in legno della sala è molto semplice e sobrio mentre le decorazioni dorate su pietra nera danno un aspetto piuttosto severo a tutta la sala. Una balaustra a colonnine, realizzata e donata da Menachem Joshua Guglielmi (1842), separa la zona dell'aròn (armadio contenente le sacre scritture) dalle altri parti dell'aula. L'aròn è composto da colonne corinzie e legno scuro, con delle meravigliose ante decorate in modo minuzioso con le incisioni dei Dieci Comandamenti opera di Beniamino e Marina di Consiglio

Degna di nota è sicuramente la parte della sala riguardante la tevà (pulpito), in quanto le quattro colonne corinzie reggono un'abside poligonale e tutta l'area è riccamente illuminata tramite le grandi finestre e un lucernario che sporge all'esterno dell'edificio. 

Sfrutti a pieno i contenuti e la qualità di Venipedia, contribuisci a creare un futuro migliore grazie a Venipedia Virtuosa. Puoi disdire quando vuoi. Abbonati alla qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno (offerta limitata)

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati

Ottieni il massimo, rendi migliore il futuro. Attivamente.
Il tuo abbonamento ci aiuta a supportare le realtà meritevoli e contribuisce a creare un futuro migliore per tutti, grazie a Venipedia Virtuosa: insieme a noi, contribuisci infatti alla piantumazione costante di nuovi alberi in Amazzonia e allo sviluppo di nuove tecnologie per la rimozione del carbonio dall’atmosfera.

Nessun vincolo richiesto, puoi disdire quando vuoi.
Il tuo sistema di pagamento verrà addebitato automaticamente, in anticipo. Tutti gli abbonamenti si rinnovano automaticamente. Puoi disdire quando vuoi prima del successivo rinnovo. Gli abbonamenti rinnovati non sono rimborsabili. In caso di disdetta successiva alla data di rinnovo, avrai accesso per tutto il periodo attivo fino alla data di rinnovo successiva prevista, dopo la quale non avrai più accesso e nessun ulteriore importo ti sarà addebitato. Offerte e prezzi sono soggetti a cambiamento senza nessun preavviso.

Leggi anche