Venipedia®

Read time: 1 min

L'espressione è sempre rivolta a chi è stato rinchiuso in carcere.

Per i Veneziani però aveva un significato ben preciso, perché la cheba era una vera gabbia di legno di forma quadrata che la Repub­blica usava per condannare alcuni reati commessi da religiosi.

La gabbia veniva appesa ad una trave sporgente da una finestra del campanile di S. Marco dopo che in essa erano stati rinchiusi i religiosi rei di varie nefandezze.

Il supplizio, della cheba, cessò nel secolo XVI e l'ultimo prete che ne usufruì fu Pre’ France­sco da S. Polo, perché bestemmiava giocando.

Di questo argomento si parla anche in questi tour...

La tradizione dice anche...

Pubblicato: Venerdì, 19 Ottobre 2012 — Aggiornato: Lunedì, 16 Ottobre 2017