Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Tempo di lettura: 2 minuti

Situata lungo la direttrice che da Rialto va verso la stazione ferroviaria, si passa il campo di San Giacomo dell'Orio e poco dopo si giunge nel campo omonimo, dove è impossibile non notare la sua imponente e tozza mole.

Di fianco alla chiesa, prima che venisse demolito, esisteva un caratteristico porticato che veniva utilizzato per attività artigianali di giorno e ricovero per i meno abbienti di notte. 

La costruzione, risalente al IX secolo, venne eretto grazie alle famiglie MichielMinotto Miani e probabilmente prese il posto di un antico oratorio dedicato a Santa Cecilia; il nuovo stabile fu titolato a San Cassiano, vescovo e martire.

L'edificio subì diverse ricostruzioni e restauri già nel XII secolo quando venne ricostruito secondo i canoni veneto - bizantini. Nuovi interventi vennero eseguiti nel XIII secolo e a metà del XIV venne ultimato anche il campanile. Nel 1611 si mise mano agli interni del luogo di culto e si realizzò la struttura a tre navate e cappelle laterali a fondo piatto, oggi ancora riscontrabile. Nel XIX secolo nuovi restauri portarono all'eliminazione di un porticato affiancato alla facciata che tolse buona parte della bellezza del luogo, lasciando il lato affacciato al campo San Cassino spoglio. 

Il soffitto con copertura a crociera è piacevolmente decorato con affreschi di Costantino Cedini e al suo interno, tra gli altri capolavori, possiamo ammirare le opere la "Crocifissione", la "Resurrezione di Cristo e i Santi Cassiano e Cecilia", la "Discesa al limbo" di Jacopo Tintoretto e la pala di Giovanni Battista Pittoni raffigurante " La Vergine col Bambino, San Carlo Borromeo e San Filippo Neri". La meravigliosa pala di Antonello da Messina "La Vergine con San Michele e altri santi" — strappata dalle pareti della chiesa di San Cassiano e divisa in più parti nei primi anni del 1600 — è oggi conservata nel Kunsthistorisches Museum di Vienna.

Nella chiesa è sepolto Giovanni Sadeler, abile incisore in rame proveniente da Bruxelles, che intagliò la tavola della Resurrezione del Tintoretto.

Altri luoghi da scoprire

Prima pubblicazione: Giovedì, 14 Agosto 2014 — Ultimo aggiornamento: Giovedì, 16 Marzo 2017

Missiva — La newsletter di Venipedia

Ricevi comodamente gli aggiornamenti, le anticipazioni e le novità di Venipedia nella tua casella postale.