Venipedia®

Ricevi un contenuto come questo, ogni giorno nella tua e-mail
Un contenuto al giorno, per te è la newsletter che ti tiene compagnia, alle 8 del mattino (e sì, puoi sospenderla quando vuoi).

Per attivarla accedi con il tuo account o creane uno nuovo.

Doveva essere un ponte provvisorio e durare solo alcuni anni, invece, dopo quasi 80 anni, continua a collegare due delle maggiori istituzioni di Venezia: le Gallerie dell'Accademia e l'Istituto Veneto di Scienze.

La sua struttura in legno bene si fonde con il resto del paesaggio: una volta arrivati nel punto più alto, non dimenticarti di far un giro a 360° per vedere tutte le bellezze presenti nei dintorni.

Dimmi di più

Più volte nella storia, a partire dal 1488, c'è stato chi aveva pensato all'opportunità di costruire un nuovo attraversamento pedonale sul Canal Grande, in aggiunta al ponte di Rialto ma l'idea è sempre stata bocciata fino all'800, secolo in cui vennero costruiti i ponti dell'Accademia e degli Scalzi.

Si ricominciò a pensare seriamente alla necessità di edificare un nuovo ponte solo nel 1838 sulla reiterata proposta dell'architetto Giuseppe Salvadori, forte della necessità di risollevare il sestiere Dorsoduro abbandonato a se stesso.

Il dialogo sul dove realizzare il ponte («meglio collegare Santa Maria del Giglio e San Gregorio oppure San Vidal con l'ex. scuola della Carità diventata l'Accademia delle Belle Arti?») o sulle modalità («ponte o tunnel, fisso o apribile») portò  nel 1852, a scegliere la proposta dell'ingegnere Alfred Neville considerando la sua esperienza in materia.

Due anni dopo, il ponte sospeso in ferro, ad unica travata orizzontale di 50 metri, unico nel suo genere in Italia, è pronto: collegando San Vidal con l'Accademia per mezzo di soli 23 gradini.

Denominato, inizialmente, Ponte della Carità (prendendo il nome dal vicino complesso della Carità) era attraversabile dietro pagamento di un pedaggio: 3 anni dopo venne costruito  il quasi identico ponte davanti alla Stazione dei treni.

Pochi anni dopo, entrambi questi ponti, poco apprezzati dai veneziani per il loro stile "industriale" e poco consoni con l'architettura circostante, cominciarono a dare i primi segni di cedimento strutturale, si decise allora di trasformarli in pietra ma, per quello dell'Accademia, le cose andarono diversamente 

Mentre si stava attendendo la costruzione del nuovo ponte, per il quale venne indetto un concorso vinto dall'architetto Torres, ne venne eretto uno provvisorio in legno in 37 giorni, in quanto quello in ferro cominciava a preoccupare per il suo precario stato. Ebbene, questo bel ponte di 48 metri, costituito da un'unica arcata di legno, progettato da Eugenio Miozzi e inaugurato il 19 febbraio 1933, sorto per durare solo alcuni anni non è stato più sostituito.

Galleria immagini

Il ponte dell'Accademia
Il ponte dell'Accademia visto da sotto
Il ponte visto da sotto 2

Fin dal primo giorno abbiamo scelto un approccio differente: non riempire le pagine di pubblicità, non dipendere da investitori esterni e rendere disponibili i contenuti accessibili per chiunque, perché crediamo che la cultura non debba avere barriere. In questi 8 lunghi anni abbiamo scelto l'indipendenza, costruendo e autofinanziando in modo autonomo ciò che è oggi l'unica enciclopedia sull'argomento Venezia, accessibile a tutti, in modo fresco e sempre innovativo, visitata da centinaia di migliaia di persone all'anno, da tutto il mondo. È anche la tua bussola personale, grazie alle mappe che ti mostrano dove sono i luoghi di cui parliamo e come arrivarci, semplicemente premendo un pulsante. Gratuitamente. La nostra indipendenza editoriale è vitale, solo in questo modo possiamo continuare a produrre sempre più contenuti di alta qualità, verificati e aggiornati. Solo così possiamo inventare, costruire e rendere disponibili strumenti innovativi. Ora abbiamo bisogno anche del tuo aiuto. Supporta la qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno e ricevi la newsletter settimanale "Cinque dall'enciclopedia".

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Supporta Venipedia

Il tuo contributo non costituisce donazione, è un abbonamento annuale che ti dà accesso a servizi aggiuntivi. Il rinnovo di 29€ dell'abbonamento annuale è automatico. Puoi comunque metterlo in pausa o annullare il rinnovo, in qualunque momento, dalla tua area personale.

Leggi anche