Venipedia®

Storico veneziano, ha approfondito le tematiche legate alla storia della sua Regione, in particolare del Novecento, ai conflitti sociali e alle trasformazioni socio-economiche del Veneto, inquadrati nel contesto italiano ed europeo.

Giovanni Sbordone è nato a S. Donà di Piave nel 1972 e dal 1979 vive a Venezia.

Laureato in storia contemporanea con Mario Isnenghi all’Università Ca’ Foscari di Venezia, presso lo stesso ateneo ha poi conseguito il dottorato di ricerca. Ha svolto attività di ricerca, consulenza e didattica per conto di vari istituti ed associazioni, occupandosi in particolare – ma non solo – di storia sociale e politica del Veneto nel primo Novecento. 

È membro della redazione della rivista “Venetica” e del consiglio direttivo dell’Iveser (Istituto veneziano per la storia della Resistenza e della società contemporanea), ai cui progetti partecipa da diversi anni. Attualmente collabora con il Centro ricerca e documentazione dedicato alla famiglia Trentin – l’antifascista Silvio, la moglie Beppa, i figli Giorgio, Franca e Bruno – costituitosi nel 2012 presso lo stesso Iveser.

Tra i suoi studi: Nella Repubblica di Santa Margherita. Storie di un campo veneziano nel primo Novecento (Nuova Dimensione, 2003, pubblicazione derivata dalla tesi di laurea); La Camera del Lavoro e Via Garibaldi, entrambi nella collana «Novecento a Venezia. Le memorie, le storie» (Il Poligrafo, 2005); Il filo rosso. Breve storia della Cgil nel Veneto bianco (Nuova Dimensione, 2007); Gli spazi della folla. Manifestazioni politiche di piazza nel Veneto del primo Novecento (tesi di dottorato, Università Ca’ Foscari di Venezia, 2010.

(an)

Altre persone da conoscere

Pubblicato: Sabato, 16 Agosto 2014 — Aggiornato: Sabato, 16 Agosto 2014