Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Tempo di lettura: 1 minuto

Antica e illustre famiglia di origine incerta, secondo la tradizione originari di Milano anche se per qualcuno provenienti da Aquileia, nell'uno e nell'altro caso si sarebbero  stabiliti in Venezia da Musestre, nella terraferma veneta, attorno all’anno 1000.

Si tratta di una delle stirpi più famose, ricche e longeve del patriziato veneto, abitò nel Palazzo Mocenigo (casa Vecchia) a San Samuele sul Canal Grande e si espanse poi in un palazzo attiguo chiamato Casa Nuova (il ramo principale della famiglia risiedeva a San Samuele mentre l'affiliato a San Stae).

Ebbe tra la sua illustre discendenza procuratori, provveditori, savi, ambasciatori, ecclesiastici, uomini di cultura e ben sette dogi (Tommaso 1343 - 1423, Pietro 1406 - 1476, Giovanni 1408 – 1485, Alvise I 1507 – 1577 vincitore di Lepanto, Alvise II 1628 – 1709, Alvise III Sebastiano 1662 – 1732 e Alvise IV Giovanni 1701 – 1778). Ben quattro palazzi portano il nome della famiglia a testimonianza della fama e ricchezza di questa, a suo tempo, numerosa dinastia.

Contributo a Venezia:

Palazzo Mocenigo a San Samuele (Casa Vecchia) San Marco 3348. Rifabbricato nel  Seicento da Francesco Contin, si possono però ancora vedere le finestre originali a sesto acuto nella facciata che da sulla calle e nel cortile. Vi soggiornarono nei vari secoli molti illustri ospiti tra cui Giordano Bruno, Thomas Moore e Lord Byron.

Palazzo Mocenigo a San Samuele (Casa  Nuova) San Marco 3349 Qui risiedeva un altro ramo  della casa. Costruito nella seconda metà del Cinquecento abbattendo  delle case acquistate dai Falier e poi raccordandolo con altre costruzioni alla casa vecchia.

 Palazzo Mocenigo a San Stae Santa Croce, 1990-1992 Il Palazzo è già presente nella pianta di Jacopo de' Barbari (1500) dove si presentava a base pressoché quadrata con cortile centrale. Successivamente il palazzo venne ristrutturato e ampliato probabilmente all'inizio del XVII secolo. Alvise Nicolò Mocenigo, nel 1945, lascia  al comune di Venezia l’intero palazzo, che diventa sede del Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume nel 1985.

Palazzo Mocenigo Gambara Dorsoduro 1056 Corte Gambara

Palazzo Mocenigo Giudecca 20-21 Fondamenta San Giovanni

 

(sm)

Altre persone da conoscere

Prima pubblicazione: Domenica, 12 Agosto 2012 — Ultimo aggiornamento: Martedì, 10 Ottobre 2017

Missiva — La newsletter di Venipedia

Ricevi comodamente gli aggiornamenti, le anticipazioni e le novità di Venipedia nella tua casella postale.