Venipedia®

Ricevi un contenuto come questo, ogni giorno nella tua e-mail
Un contenuto al giorno, per te è la newsletter che ti tiene compagnia, alle 8 del mattino (e sì, puoi sospenderla quando vuoi).

Scopri di più | Per attivarla accedi con il tuo account o creane uno nuovo.

Editore e libraio veneziano, fu il primo a far conoscere, seppure in forma modesta, il Breviario Grimani.

"La Basilica di S. Marco illustrata nella storia e nell'arte" fu il cavallo di battaglia della sua quasi quarantennale carriera nell'editoria di libri d'arte illustrati.

Dimmi di più

Ferdinando Ongania nacque a Venezia nel 1842 e, non ancora ventenne, iniziò a lavorare nella libreria / casa editrice del tedesco Hermann Frederich Münster sita al piano terra dell'Ala Napoleonica, di fronte alla Basilica di San Marco; un vero centro culturale che oltre a commercializzare libri, stampe e fotografie gestiva una biblioteca circolante in quattro lingue e un gabinetto di lettura.

Nel 1871 Ongania divenne proprietario della casa libraria Münster insieme al socio e amico Ivan Beloserski ma quest'ultimo abbandona. Dal 1872 all'anno della sua morte 1911, Ongania si dedicò quasi totalmente all'editoria di libri d'arte illustrati, contribuendo a dare lustro e risalto a Venezia. 

Con il passare degli anni, la libreria divenne un punto di riferimento, condivisione e incontro per scrittori, artisti e studiosi italiani e stranieri, che attivamente trattavano la tematica legata alla conservazione dei monumenti veneziani, da John Ruskin a Pompeo Molmenti, da Pietro Selvatico a Pietro Alvise Zorzi.

Numerose furono le sue pubblicazioni: sull'Arte della stampa nel Rinascimento italiano (Venezia 1894), sull'Architecture et la sculpture de la Renaissance à Venise (Venezia 1897-99) di P. Paoletti, sull'Architettura e scultura del Rinascimento, i Disegni dei grandi maestri veneziani, Calli e canali in Venezia di P. Molmenti e D. Mantovani (Venezia 1891-93), la Raccolta delle vere da pozzo in Venezia del 1889. Curò la prima e la seconda edizione di P. Molmenti, La vie privée à Venise (Venezia 1882 e 1895-97) e riprodusse antiche opere, come gli Habiti di G. Franco (Venezia 1878) e Corona delle nobili e virtuose donne: disegni di merli, fregi, ecc. (Venezia 1876) di C. Vecellio.

L'opera che l'ha reso famoso e per la quale è stato celebrato da re Umberto I con una medaglia d'oro appositamente coniata fu La Basilica di S. Marco illustrata nella storia e nell'arte (Venezia 1878-93, voll. 16), una straordinaria impresa editoriale costruita con i più perfezionati sistemi tipografici dell'epoca.

Galleria immagini

Immagine raffigurante Ferdinando Ongania.
La libreria Ongania in Piazza San Marco.

Leggi anche