Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Antonio Venier fu il 62° doge della Serenissima (1382-1400).

Aveva 52 anni (era nato nel 1330) ed era capitano a Creta.

Tutti lo consideravano un outsider perché non aveva un cursus honorum di eccellenza e non era un diplomatico, ma apparteneva a una delle Case nuove.

Alla notizia dell’elezione, Antonio Venier partì da Creta a bordo di una galera e giunse a Venezia il 13 gennaio 1383.

La cronaca vuole che il suo insediamento sia stato festeggiato per un anno intero, nonostante fosse appena passata un’ondata di pestilenza: era ben visto dal popolo anche perché dal popolo proveniva.

Durante il suo dogado si completò la pavimentazione a mattoni di Piazza S. Marco.

Egli comunque rimane nella storia di Venezia come il doge che fece capire al mondo che la giustizia doveva essere ed era uguale per tutti. Aveva sposato Agnese Da Mosto ed era padre di 7 figli e tra questi Alvise, condannato a  un’ammenda e a due mesi di carcere nei Pozzi [la prigione situata nello scantinato di Palazzo Ducale, che già in autunno si allagava a ogni alta marea ed era ricettacolo di ogni specie di insetti e ratti], ma il doge non mosse un dito, il figlio doveva scontare la pena stabilita dai giudici. Eppure, la sua colpa poteva essere considerata la bravata di un ragazzo ancorché viziato: dopo aver rotto con l’amante, egli aveva legato per spregio un paio di corna alla porta del marito, il patrizio Giovanni Dalle Boccole, accompagnate da scritte a dir poco scurrili contro la moglie, la suocera e la sorella del patrizio. Il doge fu inflessibile, i giovani non si potevano prendere gioco delle leggi, che andavano rispettate. Il destino crudele fece ammalare il ragazzo che morì e uscì di prigione soltanto per essere tumulato nella Chiesa di S. Giovanni e Paolo (Castello) dopo onorate esequie. Il doge, detto affettuosamente Antonazzo, gli sopravvisse.

Anche lui fu sepolto nella Chiesa di S. Giovanni e Paolo.

 

(gidi)

Altre persone da conoscere

Prima pubblicazione: Giovedì, 04 Aprile 2013 — Ultimo aggiornamento: Venerdì, 14 Giugno 2013

Missiva — La newsletter di Venipedia

Ricevi comodamente gli aggiornamenti, le anticipazioni e le novità di Venipedia nella tua casella postale.