Venipedia®

Pietro Tribuno fu il 17° doge della Serenissima (888-912). 

Dimmi di più

Nipote del doge assassinato a S. Zaccaria (864).

Battagliero ed energico, egli è ricordato per l’organizzazione della difesa del territorio contro il pericolo rappresentato dagli ungari e acclamato come liberatore: nell’anno 900, per difendere il centro politico della città e quindi la sede del governo da possibili pericoli di attacchi e soprattutto premunirsi appunto contro le invasioni degli ungari, farà costruire in tutta fretta una muraglia dal Rio di Castello (poi Rio della Canonica, a fianco del Palazzo Ducale) fino a S.M. Zobenico.

Il basileus lo premiò concedendogli il titolo di protospatario. Morì di morte naturale e fu sepolto nel Monastero di S. Zaccaria.

Per alcuni mesi la sede dogale fu retta provvisoriamente da Domenico Tribuno, che non figura nell’elenco dei dogi.

(gidi)

Galleria immagini

Incisione raffigurante il doge Pietro Tribuno.
Lo stemma del doge Pietro Tribuno

Leggi anche