Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Alvise Pisani fu il 114° doge della Serenissima (17 gennaio 1735 - 17 giugno 1741). 

Aveva 71 anni (era nato il 1° gennaio 1664), apparteneva alla famiglia dei Pisani di Santo Stefano, ramo cadetto dell’omonima famiglia, e aveva percorso tutte le tappe del cursus honorum veneziano: savio agli ordini, consigliere del doge, ambasciatore in Francia.

Per celebrare l’elezione, la famiglia affidò a Girolamo Frigimelica la costruzione di Villa Pisani nella campagna di Stra (1736-1756), ma poi il progetto fu abbandonato a causa dei costi esorbitanti, per essere però ripreso e completato alcuni anni dopo da Francesco Maria Preti. Pertanto, la villa, la cui costruzione iniziò in occasione della nomina a doge di Alvise, fu ultimata entro la prima metà del secolo, poi continuamente abbellita da pittori e scultori per tutto il Settecento tanto da essere considerata un vero Palazzo Ducale in terraferma.

Nel 1797 la villa venne acquistata da Napoleone, che vi soggiornò una sola notte e poi la regalò al figliastro, Eugenio Beauharnais.

Con l’avvento dell’Austria, la villa ospitò altri regnanti e fra questi l’imperatore d’Austria Francesco Giuseppe, l’imperatore del Messico Massimiliano d’Austria, Anna Maria di Savoia, Gustavo III di Svezia, Carlo IV di Spagna.

Dal 1866 la villa diventò di proprietà dello stato italiano.

Il doge Alvise Pisani morì improvvisamente e fu sepolto nella Chiesa di S. Andrea della Certosa. Le sue ceneri furono disperse quando la chiesa venne sconsacrata (1810) per essere adibita ad usi militari e quindi demolita.

 

 

(gidi)

Altre persone da conoscere

Pubblicato: Giovedì, 11 Aprile 2013 — Aggiornato: Venerdì, 17 Giugno 2016

Missiva — La newsletter di Venipedia

Ricevi comodamente gli aggiornamenti, le anticipazioni e le novità di Venipedia nella tua casella postale.