Venipedia®

Ricevi un contenuto come questo, ogni giorno nella tua e-mail
Un contenuto al giorno, per te è la newsletter che ti tiene compagnia, alle 8 del mattino (e sì, puoi sospenderla quando vuoi).

Per attivarla accedi con il tuo account o creane uno nuovo.

Giovanni Partecipazio I fu il 12° doge della Serenissima (829-837).

Dimmi di più

Figlio del doge Angelo e già co-reggente.

Il dogado di Giovanni fu contrassegnato da lotte intestine, ma allietato dalla costruzione della Cappella Ducale, destinata a conservare le spoglie di san Marco, esaudendo così le estreme volontà del fratello Giustiniano.

Il primo dei problemi che Giovanni Partecipazio dovette affrontare fu l’improvviso ritorno del deposto doge Obelerio Antenoreo (804-810), predecessore di suo padre Angelo Partecipazio (810-827), dopo oltre 20 anni di assenza ed esilio a Costantinopoli. Obelerio sbarcò a Vigilia, un’isola vicino a Malamocco poi scomparsa, raccogliendo un pugno di uomini a lui fedeli e reclamando per sé il dogado, col sostegno, pare, del nuovo re d’Italia Lotario. In breve sia Vigilia che Malamocco si schierarono con lui, ma Giovanni reagì con decisione: incendiò e distrusse i due insediamenti, catturò e fece impiccare Obelerio e poi ne mostrò la testa ai rivoltosi come monito.

Alcuni anni dopo, però, a causa di una rivolta interna, Giovanni dovette fuggire da Venezia e rifugiarsi presso l’imperatore Ludovico. Il seggio dogale fu allora occupato dal tribuno Pietro Caroso per circa sei mesi, finché una rivolta popolare non cacciò l’usurpatore e il potere venne preso dal vescovo di Olivolo, Orso Partecipazio, e dai tribuni Giovanni Marturio e Basilio Tribuno, mentre i partigiani di Pietro Caroso furono tutti messi a morte. Il doge Giovanni poté quindi rientrare.

Il ritorno però durò poco: il comportamento dittatoriale dei Partecipazio e la scelta di Giovanni di venire a patti con i pirati slavi, che minacciavano il commercio veneziano, provocarono la reazione dei patrizi che guidati dai Mastalici tesero un agguato al doge: dopo aver assistito a una messa officiata dal vescovo di Olivolo/Castello, il doge Giovanni fu catturato da un gruppo di congiurati, deposto, rapato a zero per sommo spregio, obbligato a vestire l’abito monacale e quindi a ritirarsi in una chiesa di Grado, dove di lì a poco morì senza lasciare eredi.  

 

(gidi)

Galleria immagini

Incisione raffigurante il doge Giovanni I Partecipazio.
Lo stemma del doge Giovanni Partecipazio I

Fin dal primo giorno abbiamo scelto un approccio differente: non riempire le pagine di pubblicità, non dipendere da investitori esterni e rendere disponibili i contenuti accessibili per chiunque, perché crediamo che la cultura non debba avere barriere. In questi 8 lunghi anni abbiamo scelto l'indipendenza, costruendo e autofinanziando in modo autonomo ciò che è oggi l'unica enciclopedia sull'argomento Venezia, accessibile a tutti, in modo fresco e sempre innovativo, visitata da centinaia di migliaia di persone all'anno, da tutto il mondo. È anche la tua bussola personale, grazie alle mappe che ti mostrano dove sono i luoghi di cui parliamo e come arrivarci, semplicemente premendo un pulsante. Gratuitamente. La nostra indipendenza editoriale è vitale, solo in questo modo possiamo continuare a produrre sempre più contenuti di alta qualità, verificati e aggiornati. Solo così possiamo inventare, costruire e rendere disponibili strumenti innovativi. Ora abbiamo bisogno anche del tuo aiuto. Supporta la qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno e ricevi la newsletter settimanale "Cinque dall'enciclopedia".

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Supporta Venipedia

Il tuo contributo non costituisce donazione, è un abbonamento annuale che ti dà accesso a servizi aggiuntivi. Il rinnovo di 29€ dell'abbonamento annuale è automatico. Puoi comunque metterlo in pausa o annullare il rinnovo, in qualunque momento, dalla tua area personale.

Leggi anche