Venipedia®

Alvise Mocenigo III fu il 112° doge della Serenissima (1722-1732).

Aveva 60 anni (era nato il 29 agosto 1662), non si era mai sposato ed era considerato l’eroe di Dalmazia per il valore dimostrato nella conquista della fortezza turca di Imoschi (1717), ma di fatto, come doge, fu uno dei continuatori della politica di neutralità disarmata proclamata dalla Repubblica in caso di conflitti armati.

Durante il suo dogado la pavimentazione di Piazza S. Marco fu rifatta non più in mattoni ma con lastre di trachite, venne ricostruito il Bucintoro (1728) e si istituì per decreto il còdega, ovvero l’uomo con la lanterna che di notte, dietro compenso, accompagnava a casa le persone sprovviste di lume.

Fu lui a ordinare allo scultore G. Bonazza i due leoni in marmo rosso di Verona per la neonata Piazzetta dei Leoni o dei Leoncini.

Morì alla vigilia della Festa de la Sensa e poi venne sepolto sotto una lapide a pavimento nella Chiesa di S. Giovanni e Paolo (Castello).

(gidi)

Altre persone da conoscere

Pubblicato: Giovedì, 11 Aprile 2013 — Aggiornato: Martedì, 29 Maggio 2018