Venipedia®

Tribuno Memmo fu il 25° doge della Serenissima (979-991).

Dimmi di più

Era un analfabeta; infatti, al posto della firma imponeva il signum manus.

Il suo fu un dogado travagliato da contrasti interni e pericoli esterni. Fu spinto ad abdicare dall’assemblea generale e si ritirò a S. Giorgio (altri dicono a S. Zaccaria, altri ancora a S. Ilario), dove morì subito dopo e dove venne sepolto.

Nel 1610 venne ricordato dai monaci come artefice della donazione dell’isola ai Benedettini con l’erezione di un busto (opera del veronese Giulio Moro) a destra della facciata della chiesa.

(gidi)

Galleria immagini

Incisione raffigurante il doge Tribuno Memmo.
Lo stemma del doge Tribuno Memmo

Leggi anche