Venipedia®

Ordelaffo Faliero fu il 34° doge della Serenissima (1102-1118).

Dimmi di più

Figlio del doge Vitale,ne continuò l’opera in Terrasanta, dando aiuto con la flotta ai crociati e combattendo i normanni.

Dovette però vedersela anche con Colomanno, re di Ungheria (1095-1116), che s’incoronò re di Croazia e mirò ad aprirsi uno sbocco sull’Adriatico.Il nuovo doge inviò delle truppe a occupare Spalato, Zara e altri punti chiave lungo la costa.

È ricordato per la nuova Pala d’oro che ordinò a Costantinopoli subito dopo la sua elezione, per avere irrobustito il Castello Ducale, cercando di renderlo inespugnabile con torri, fossati, ponti levatoi, e soprattutto per aver fondato l’Arsenale (1104) con l’intento di programmare la costruzione di galee da guerra, in un proprio cantiere navale modellato sulla base di precedenti bizantini, e opporsi così alla potenza e prepotenza ungherese.

Il doge condusse personalmente la guerra contro Zara ma morì in battaglia. La salma fu portata a Venezia e sepolta nell’atrio della Chiesa di S. Marco. Non si sa esattamente dove.

Una curiosità su questo doge: era mancino e scriveva da destra a sinistra, infatti Ordelaf non sarebbe altro che Faledro, il nome con il quale le cronache talvolta indicano la sua famiglia.

 

(gidi)

Galleria immagini

Incisione raffigurante il doge Ordelaffo Faliero.
Lo stemma del doge Ordelaffo Falier

Leggi anche