Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Tempo di lettura: 3 minuti

Questo luogo rappresenta un punto di riferimento dell'istruzione veneziane di alto livello: è la sede principale delll'Università Cà Foscari Venezia. Ogni anno, viene frequentato da migliaia di studenti per questioni amministrative ma, essendo anche sede di rappresentanza dell'Ateneo, spesso ospita eventi di particolare importanza.

Recentemente, è stato fregiato del titolo di più antico edificio green del mondo.

Il palazzo, edificato nel 1453 per volere del doge Francesco Foscari, è oggi sede dell’Università Ca’ Foscari Venezia.

E’ situato “in volta del Canal”, la curvatura più ampia del Canal Grande e gode di una straordinaria vista che si estende dal ponte di Rialto al complesso della Carità. E’ uno dei più eleganti esempi di gotico veneziano. Fu la residenza del Doge e della sua famiglia. L’edificio non ebbe soltanto una funzione esclusiva e privata ma acquistò una dimensione pubblica di grande prestigio. Tra gli importanti ospiti “foresti” che giunsero a Ca’ Foscari, ricordiamo illustri sovrani come Federico IV re di Danimarca che nel 1709 assistette a una regata sul Canal Grande da un poggiolo di cristallo. Ancora oggi ogni prima domenica di settembre il palazzo ospita le maggiori autorità veneziane che assistono alla Regata Storica  dalla “machina”, una struttura galleggiante costruita davanti alla porta d’acqua. Qui è collocato il traguardo finale della gara e si svolge la premiazione.

Il palazzo fu anche punto privilegiato da grandi pittori veneziani del Settecento, dal Canaletto a Michele Marieschi e Francesco Guardi e celebrato da autori quali Francesco Sansovino e John Ruskin. Ca’ Foscari non è soltanto il punto visivo centrale del Canal Grande ma anche paradigma dell’architettura veneziana del Quattrocento e simbolo, al pari di Palazzo Ducale, dell’architettura gotica a Venezia. Presenta caratteristiche uniche: le ottafore della facciata sono le più lunghe a Venezia e il fregio in marmo del secondo piano nobile è unico in città. La progettazione dell’edificio viene attribuito a Bartolomeo Bon, che ha realizzato la porta della Carta a Palazzo Ducale.

Anche Ca’ Foscari seguì il declino toccato in sorte alla gran parte dei palazzi nobiliari a seguito della caduta della Repubblica dopo lo splendore che ebbe nei secoli precedenti. Solamente nel 1868 quando divenne la sede della Scuola Superiore di Commercio, prima istituzione in Italia di alti studi economici, il palazzo tornò all’antica magnificenza trasformandosi in un centro per la formazione teorica e professionale che si è trasformata oggi nella sede dell’Università Ca’ Foscari Venezia.

Nel Novecento il palazzo fu arricchito da due interventi dell’architetto Carlo Scarpa e dagli affreschi di Mario Sironi e Mario De Luigi.

Negli anni novanta si manifestarono problemi strutturali che portarono al restauro storico monumentale e di adeguamento funzionale operato dalla ditta SACAIM nel 2006. L’intervento fu insignito del prestigioso premio Torta dedicato ad opere di restauro realizzate a Venezia.

Dal 2012 il palazzo è "meraviglia italiana”, riconoscimento assegnato dal Forum Nazionale Giovani e nel 2013 ha ottenuto la prestigiosa targhetta conferita dal Green Building Council Usa.

Altri luoghi da scoprire

Pubblicato: Giovedì, 26 Settembre 2013 — Aggiornato: Mercoledì, 18 Dicembre 2013

Missiva — La newsletter di Venipedia

Ricevi comodamente gli aggiornamenti, le anticipazioni e le novità di Venipedia nella tua casella postale.