Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Tempo di lettura: 2 minuti

Un dono di inestimabile valore questo museo che racconta la genialità e lo spirito innovativo del suo propriertario: Mariano Fortuny y de Madrazo.

Vieni a conoscere l'artista spagnolo attraverso le sue opere di pittura, scultura, illuminotecnica, teatro, fotografia e soprattutto lasciati attirare dalle sue stoffe, tessuti ed abiti.

Il museo prende il nome dal suo ultimo celebre inquilino: Mariano Fortuny y Madrazo.

L'ecclettico artista spagnolo stabilì nel 1898 il suo studio all’interno di uno dei più ampi appartamenti che suddividevano il palazzo Pesaro degli Orfei. Con il passare del tempo Fortuny acquisisce anche le altre parti dell’edificio che diverrà in seguito la sua effettiva dimora e al quale presterà il suo diretto intervento di recupero e riadattamento degli interni.

Alla sua dipartita (1949) la proprietà passò alla vedova, Henriette Nigrin, la quale scelse di donarla al comune di Venezia, a condizione che venisse impiegato per attività a scopo culturale. Il comune acquisì a tutti gli effetti la proprietà nel 1965 e passarono dieci anni prima dell’apertura dell’attuale museo.

Oltre all’attività espositiva, dedicata soprattutto alle arti visive in generale, sono custodite all’interno del museo diverse produzioni artistiche realizzate da Mariano Fortuny, che comprendono disegni, scatti fotografici, sculture e realizzazioni scenografiche, inoltre è stato scelto di mantenere intatto il suo studio (situato al piano nobile) e la sua ricca biblioteca.

Attulmente il museo è adibito alle attività espositive.

Altri luoghi da scoprire

Prima pubblicazione: Martedì, 29 Maggio 2012 — Ultimo aggiornamento: Venerdì, 30 Settembre 2016

Missiva — La newsletter di Venipedia

Ricevi comodamente gli aggiornamenti, le anticipazioni e le novità di Venipedia nella tua casella postale.