Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Tempo di lettura: 1 minuto

Introduciti all'interno della Basilica di San Marco, il simbolo per eccellenza di Venezia, e scopri i suoi segreti: il patrimonio marciano è immenso e si snoda tra i Mosaici, i Tessili, la Quadriga e molto altro ancora.

Ti imbatterai nella sala dei banchetti impreziosita dai libri corali e dai tessili antichi, incontrerai i cavalli di San Marco, capolavori in bronzo e, infine, pregevoli ed vetusti frammenti di mosaico della Basilica, raccolti in particolari contenitori chiamati cassine.

L’idea di istituire un museo all’interno della Basilica di San Marco venne a Pietro Saccardo, Proto di San Marco a partire dal 1887.

Il piano originale, interrotto in seguito alla caduta del campanile nel 1902, prevedeva di riunire il materiale espositivo all’interno delle sale sopra al nartece, nell’ala Nord-Ovest . Per vedere finalmente attuato il progetto di Saccardo si dovette aspettare il 1927, anno di apertura ufficiale del museo (Il Proto allora era Luigi Marangoni).

L’area espositiva è stata ampliata a partire dal 1986 e ad oggi comprende anche la Sala Ongania e la sala dei banchetti. Quest’ultima, scoperta recentemente costituiva un punto di raccordo con la residenza dogale, salvo poi essere incorporata all’interno della basilica a partire dall’Ottocento. Al suo interno i possono ammirare gli affreschi di Jacopo Guarana.

Altri luoghi da scoprire

Pubblicato: Martedì, 29 Maggio 2012 — Aggiornato: Mercoledì, 08 Novembre 2017

Missiva — La newsletter di Venipedia

Ricevi comodamente gli aggiornamenti, le anticipazioni e le novità di Venipedia nella tua casella postale.