Venipedia®

Ricevi un contenuto come questo, ogni giorno nella tua e-mail
Un contenuto al giorno, per te è la newsletter che ti tiene compagnia, alle 8 del mattino (e sì, puoi sospenderla quando vuoi).

Per attivarla accedi con il tuo account o creane uno nuovo.

Il Duomo di Mestre è da sempre il cuore religioso della città e la sua imponente mole, insieme alla Torre, sembra proteggere gli abitanti all'interno di Piazza Ferretto.   

L'Archivio storico del Duomo contiene informazioni e notizie sulla popolazione mestrina e copre un arco temporale di circa otto secoli.

Dimmi di più

Due sono le leggende che fanno risalire le origini della chiesa al lontano X secolo: la prima racconta che venne fondata dal vescovo di Treviso, conte e marchese del possedimento di Mestre mentre l'altra associa la dedicazione al santo alla vittoria sugli Ungheresi nel giorno di san Lorenzo del 955. Di certo, il primo documento ufficiale è del 1152 e individua papa Eugenio III che cita la chiesa di San Lorenzo in gestione al vescovo di Treviso, Bonifacio, e i suoi futuri successori; nel 1192, da un'altra fonte, si deduce che al tempo il tempio avesse un porticato nel quale l'eminenza religiosa esercitava i poteri civili e giurisdizionali. A partire dalla fine del Duecento e sicuramente fino alla metà del XV secolo, la chiesa di San Lorenzo fu la sede di uno dei quattro arcipretati in cui era suddivisa la diocesi di Treviso — gli altri tre erano Quinto, Castelfranco e Cornuda —  e da essa dipendevano 10 chiese minori e le relative cappelle. 

Nel XIV secolo, durante la Serenissima Repubblica, il Consiglio dei cittadini di Mestre decise di riedificarla, in stile gotico, ed ottenne l'avvallo dal Senato veneziano il 29 luglio 1388. La costruzione era strutturata a tre navate, con dieci archi che dividevano la navata centrale da quelle laterali, con l'altare maggiore a est e l'ingresso a ovest. La torre campanaria era in legno e circondata da un cimitero. La consacrazione avvenne nel 1515, durante la fiera di San Michele.

Con l'aumento del numero della popolazione e il peggioramento delle condizioni del sito religioso, la chiesa, su volere del Consiglio dei cittadini, venne nuovamente ricostruita dalle fondamenta nel XVIII secolo su disegno dell'architetto veneziano Bernardino Maccaruzzi divenendo il Duomo neoclassico di oggi. Venne consacrata, per la seconda volta, il 24 ottobre 1830 dal vescovo Sebastiano Soldati.

L'interno del luogo è costituito da una sola navata con sette altari recuperati dalla chiesa abbandonata di S. Maria delle Grazie. Di particolare rilevanza la pala d'altare dell'artista nordico Ludovico Toeput, detto il Pozzoserrato, "Madonna con il Bambino e i SS. Lorenzo, Stefano e Michele" e la volta a cupola affrescata da Giambattista Canal. L'attuale organo fu commissionato al grande Gaetano Callido. Dell'antico campanile, purtroppo, non sono rimasce tracce in quanto demolito nel 1446 e sostituito da un altro, frutto di un adattamento alla torre d'avvistamento che sorgeva a lato del vero campanile. 

Solo a partire dal 14 febbraio 1927, San Lorenzo di Mestre venne definitivamente staccata dalla diocesi di Treviso per passare sotto la diocesi di Venezia.

Il materiale documentario — oggi conservato nell'Archivio storico del Duomo presso il piano terra del Laurentianum — testimonia l'intensa attività devozionale della popolazione dell'entroterra veneziana e rappresenta un patrimonio inestimabile di storia mestrina, dal 1300 al 2000. Al suo interno sono presenti: registri di battesimo, cresima, matrimonio, morte e documentazione attinente riferiti alla Parrocchia di San Lorenzo martire di Mestre; verbali e bilanci consuntivi, legati, atti patrimoniali e amministrativi della Fabbriceria di San Lorenzo; statuti, registri di confratelli e consorelle, registri delle parti e di cassa, rendite delle numerose scuole erette nella chiesa di San Lorenzo (Scuola del Santissimo Sacramento, di Santa Maria dei battuti, del Suffragio dei morti, dei barcaioli di Mestre e di Marghera, Congregazione del clero sotto il titolo di San Giuseppe) e altra documentazione legata alle chiese, divenute succursali in epoca napoleonica, di San Girolamo (Scuola di San Marco, del Santissimo Rosario, Oratorio dell'Immacolata Concezione della Beata Vergine e San Filippo Neri, Confraternita dei devoti del Santissimo Crocifisso) e di San Rocco (Scuola di San Rocco, di Sant'Antonio). Infine, sono conservati documenti anche collegati alla Scuola della Madonna della Concezione, annessa alla scomparsa chiesa di San Salvatore di Marghera, e all'Azione cattolica di Mestre (secolo XX), oltre al piccolo fondo della Congregazione dei parroci in Santo Stefano di Martellago e a un catastico seicentesco della Scuola grande di San Giovanni evangelista di Venezia.

Galleria immagini

Particolare della facciata principale del Duomo. — (Archivio Venipedia/Bazzmann)
Particolare della facciata principale superiore del Duomo. — (Archivio Venipedia/Bazzmann)
Il Duomo visto di profilo, dalla Piazza Ferretto. — (Archivio Venipedia/Bazzmann)
Vista laterale del Duomo. — (Archivio Venipedia/Bazzmann)
Veduta verso il campanile — (Archivio Venipedia/Bazzmann)
Vista d'insieme — (Archivio Venipedia/Bazzmann)
Particolare di finestra — (Archivio Venipedia/Bazzmann)

Fin dal primo giorno abbiamo scelto un approccio differente: non riempire le pagine di pubblicità, non dipendere da investitori esterni e rendere disponibili i contenuti accessibili per chiunque, perché crediamo che la cultura non debba avere barriere. In questi 8 lunghi anni abbiamo scelto l'indipendenza, costruendo e autofinanziando in modo autonomo ciò che è oggi l'unica enciclopedia sull'argomento Venezia, accessibile a tutti, in modo fresco e sempre innovativo, visitata da centinaia di migliaia di persone all'anno, da tutto il mondo. È anche la tua bussola personale, grazie alle mappe che ti mostrano dove sono i luoghi di cui parliamo e come arrivarci, semplicemente premendo un pulsante. Gratuitamente. La nostra indipendenza editoriale è vitale, solo in questo modo possiamo continuare a produrre sempre più contenuti di alta qualità, verificati e aggiornati. Solo così possiamo inventare, costruire e rendere disponibili strumenti innovativi. Ora abbiamo bisogno anche del tuo aiuto. Supporta la qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno e ricevi la newsletter settimanale "Cinque dall'enciclopedia".

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Supporta Venipedia

Il tuo contributo non costituisce donazione, è un abbonamento annuale che ti dà accesso a servizi aggiuntivi. Il rinnovo di 29€ dell'abbonamento annuale è automatico. Puoi comunque metterlo in pausa o annullare il rinnovo, in qualunque momento, dalla tua area personale.

Leggi anche