Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Tempo di lettura: 2 minuti

Due furono le famiglie che contribuirono alla costruzione di questa chiesa: alle sue origini, la famiglia Jubanico e poi l'importante casata dei Barbaro, la quale ci donò l'attuale farzosa facciata.

Soffermati un momento ad assorvarla: ci troverai le statue di alcuni componenti della famiglia e le piante, in pietra, di alcune città italiane e non solo, come elogio ad importanti imprese.

La chiesa di S.Maria del Giglio o S. Maria Zobenico venne costruita nel X secolo per commissione della famiglia Jubanico.

Di particolare importanza è la sua facciata, opera dell'architetto Giuseppe Sardi da Morcote, dove troviamo le statue dei fratelli Barbaro, Gianmaria statista, Marino senatore, Francesco ammiraglio  e  Carlo statista, oltre alla statua di Antonio Barbaro.

Si possono ammirare anche dei bassorilievi di piante di città tra cui Zara in Dalmazia, Padova, Roma, Corfù,  Spalato e Candia nell'isola di Creta.

Inizialmente venne costruita con tre navate ma successivamente, causa la sua distruzione dovuta a due incendi, venne ricostruita ad una singola navata con il presbiterio centrale e le cappelle laterali.

Al suo interno il dipinto di Peter Paul Rubens raffigurante la “Madonna col Bambino e San Giovannino”, due dipinti di Jacopo Tintoretto raffiguranti i quattro evangelisti, quali “Marco e Giovanni” e "Luca e Matteo”, una tela di Giuseppe Porta detto il Salviati intitolta “L'Annunciazione" oltre alle quattordici stazioni della Via Crucis, con opere di Gaspare Diziani e Jacopo Marieschi.

Altri luoghi da scoprire

Prima pubblicazione: Martedì, 22 Maggio 2012 — Ultimo aggiornamento: Mercoledì, 13 Gennaio 2016

Missiva — La newsletter di Venipedia

Ricevi comodamente gli aggiornamenti, le anticipazioni e le novità di Venipedia nella tua casella postale.