Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Tempo di lettura: 2 minuti

Questa chiesa rimane sicuramente impressa nella mente del visitatore per il suo ciclo pittorico, di inestimabile bellezza, di uno dei più grandi pittori rinascimentali veneti: Paolo Calieri, noto come Il Veronese.

Non perdere l'opportunità di godere di questo privilegio. Ci troverai anche le spoglie del pittore, un doveroso riconoscimento a quest'uomo che dedicò una parte della sua vita a decorare questo luogo di culto.

Il sito sorge su un piccolo convento e un ospizio eretti dai monaci di San Girolamo attorno alla metà del Trecento; a fianco ad esso fu fondato anche l'oratorio dedicato a Santa Maria Assunta che fu poco dopo  trasformato in una chiesa dedicata a San Sebastiano (protettore degli appestati) dalla popolazione che ci abitava vicino e che si salvò alla peste.

L'attuale costruzione venne eretta verso la metà del Cinquecento su progetto, pare, di Antonio Abbondi, detto lo Scarpagnino, che ne mutò l'orientamento della pianta.

Questo luogo di culto rappresenta un tipico esempio di chiesa in stile rinascimentale con un'unica navata e un presbiterio quadrato che termina con un'abside semicircolare; è presente, inoltre, un interessante coro.

La facciata è ripartita in due parti orizzontalmente da un alto cornicione e coronata da un timpano triangolare sormontato da statue; sopra, vi è un rosone circolare. Dietro, percorrendo di Campo San Sebastian, si trova il campanile a pianta quadrangolare.

Ciò che rende questo luogo unico, è il corpus di opere di Paolo Caliari detto il Veronese, che lavorò al suo interno per 15 anni, a partire dal 1555 ed in particolare decorò il soffitto della sacrestia, la navata centrale, il fregio, la parte orientale del coro, l'altare maggiore, le porte dei pannelli dell'organo e il presbiterio.

Per ringraziare il pittore delle sue opere, la chiesa ospita le spoglie del Veronese la cui tomba è posizionata sotto la statua a lui dedicata di fianco all'organo.

Altri luoghi da scoprire

Prima pubblicazione: Venerdì, 18 Maggio 2012 — Ultimo aggiornamento: Mercoledì, 13 Gennaio 2016

Missiva — La newsletter di Venipedia

Ricevi comodamente gli aggiornamenti, le anticipazioni e le novità di Venipedia nella tua casella postale.