Venipedia®

Ricevi un contenuto come questo, ogni giorno nella tua e-mail
Un contenuto al giorno, per te è la newsletter che ti tiene compagnia, alle 8 del mattino (e sì, puoi sospenderla quando vuoi).

Per attivarla accedi con il tuo account o creane uno nuovo.

Per alcuni, questo luogo di culto viene considerato la chiesa di Antonio Vivaldi in ricordo del celebre musicista e violinista che con i suoi insegnamenti impartì lezioni di musica e di canto alle giovani fanciulle Figlie di Choro.

Considerando le eleganti cantorie, sicuramente i concerti tenuti dal grande compositore furono particolarmente suggestivi ed emozionanti.

Dimmi di più

La chiesa fu rifabbricata attorno alla metà del XVIII secolo su progetto di Giorgio Massari ed intitolata a Santa Maria della Visitazione.

Il progetto iniziale si accostava al progetto palladiano della Chiesa delle Zitelle alla Giudecca, anche questo dedicato all'assistenza delle fanciulle orfane. Il progetto aveva lo scopo di realizzare sia la funzione religiosa che la funzione da sala per concerti. Nella metà del XVIII secolo — per la sua consacrazione — si tenne un grandissimo concerto con i più autorevoli artisti dell'epoca.

Al suo interno troviamo numerose opere di particolare spessore, tra cui tre opere di Giambattista Tiepolo L’Incoronazione di Maria Immacolata, David e l’angelo e Le tre Virtù Teologali e la pala dell’altare maggiore con La Visitazione di Maria a Santa Elisabetta, dipinta da Giambattista Piazzetta e Giuseppe Angeli.

La chiesa fu l'ultima grande costruzione fatta prima della caduta della Serenissima.

Nella chiesa sono presenti cantorie utilizzate dalle “figlie di Choro” durante i loro suggestivi concerti diretti da uno dei maggiori maestri dell'epoca, Antonio Vivaldi, raccogliendo ampio consenso tra gli ascoltatori.

Galleria immagini

La facciata della Chiesa della Pietà.

Fin dal primo giorno abbiamo scelto un approccio differente: non riempire le pagine di pubblicità, non dipendere da investitori esterni e rendere disponibili i contenuti accessibili per chiunque, perché crediamo che la cultura non debba avere barriere. In questi 8 lunghi anni abbiamo scelto l'indipendenza, costruendo e autofinanziando in modo autonomo ciò che è oggi l'unica enciclopedia sull'argomento Venezia, accessibile a tutti, in modo fresco e sempre innovativo, visitata da centinaia di migliaia di persone all'anno, da tutto il mondo. È anche la tua bussola personale, grazie alle mappe che ti mostrano dove sono i luoghi di cui parliamo e come arrivarci, semplicemente premendo un pulsante. Gratuitamente. La nostra indipendenza editoriale è vitale, solo in questo modo possiamo continuare a produrre sempre più contenuti di alta qualità, verificati e aggiornati. Solo così possiamo inventare, costruire e rendere disponibili strumenti innovativi. Ora abbiamo bisogno anche del tuo aiuto. Supporta la qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno e ricevi la newsletter settimanale "Cinque dall'enciclopedia".

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Supporta Venipedia

Il tuo contributo non costituisce donazione, è un abbonamento annuale che ti dà accesso a servizi aggiuntivi. Il rinnovo di 29€ dell'abbonamento annuale è automatico. Puoi comunque metterlo in pausa o annullare il rinnovo, in qualunque momento, dalla tua area personale.

Leggi anche