Venipedia®

Evento culturale
da Gio 14/04/2016 a Sab 07/05/2016
Mestre

Tre settimane dedicate al linguaggio poetico che tocca le corde più profonde delle nostre emozioni. Quasi 60 appuntamenti a Mestre tra presentazioni librarie, letture guidate, percorsi didattici per le scuole e laboratori per bambini e tre spettacoli serali.

Fenomeno costante nella cultura e nella vita quotidiana, vissuto a livelli di linguaggio differenti e con esiti e giudizi distanti, l’esperienza della poesia si configura come fattore aggregante e capace di creare capitale sociale, coinvolgendo soggetti di generazione diversa e gruppi di estrazione eterogena.

Al fine di valorizzare il fermento di proposte, pubblicazioni e rappresentazioni di taglio poetico, il Comune di Venezia, con le Biblioteche, le Municipalità, il Centro Culturale Candiani, in collaborazione con il Dipartimento di Studi linguistici e Culturali Comparati dell’Università Ca’ Foscari di Venezia, ha inteso creare un punto di convergenza per promuovere una manifestazione che dal 14 aprile al 7 maggio 2016 presenterà a Mestre una rassegna di poesia contemporanea e di editoria di poesia, con attenzione alla lettura, alla traduzione, alla critica e alle intersezioni tra la poesia e le altre arti, tra la poesia e il sociale. L'evento si inserisce anche nel programma di più ampio respiro del Comune di Venezia Le città in festa - Primavera 2016.

Intorno al percorso così tracciato si incardineranno contributi intellettuali e produzioni dal basso, con attenzione al territorio, realizzando una sinergia con le biblioteche municipali di Venezia (Centro Donna, Mestre, Marghera, Assegiano, Favaro, Zelarino, Carpenedo, Lido), il punto lettura della Gazzera, alcune Associazioni culturali locali, le librerie, le scuole, le case editrici, la Chiesa San Giorgio di Chirignago, il Centro Civico del Parco Albanese e il Candiani.

Il clou dell’iniziativa, Poesia Diffusa che si svolgerà nelle ultime tre giornate del festival 5, 6 e 7 maggio 2016 presso il Centro Culturale Candiani, è curato da Alessandro Scarsella, docente a Ca’ Foscari di Letterature comparate e Teoria della letteratura, ma è anche il risultato di incontri e dialoghi con le realtà locali, piccole e grandi, con il coinvolgimento più ampio del territorio. In queste tre giornate, l’attenzione cade sia sulle eccellenze della poesia italiana contemporanea — con particolare riferimento del Nord-est e alla sua tradizione (Marin, Noventa, Zanzotto) — sia sulle forme di produzione dal basso, considerando con particolare riguardo l’editoria di poesia e il lavoro di selezione e promozione da essa meritoriamente svolta, che non riceve sempre gli adeguati riconoscimenti. A complemento dell’attività e in collaborazione con gli autori e con le case editrici, saranno presentate inoltre collane ed edizioni di poesia mentre presso la libreria Mondadori a piano terra del Candiani saranno altresì esposti in una mostra-mercato i prodotti editoriali pervenuti.

In quest’ambito di incontro e scambio di idee, sarà possibile per gli autori, per i creativi e gli operatori del settore conoscere l’attività degli editori presenti.

Oltre alla parentesi "Poesia diffusa", nei 17 giorni totali di evento, si intervalleranno conversazioni con gli autori, letture guidate di poesie e percorsi didattici per gli studenti, presentazioni librarie, incontri laboratoriali e letture ad alta voce per i più piccoli. Si segnalano inoltre la XVII edizione di Poesia dal cassetto (domenica 1 maggio) durante la quale si effettueranno delle letture pubbliche inedite composte da non professionisti e il reading itinerante Il dono della poesia (mercoledì 27 aprile), cinquanta lettrici e venti poetesse per le vie della città chiederanno attenzione ai passanti per pochi istanti, nelle stazioni, al mercato, in mezzo al traffico, per leggere e donare una poesia che sarà lasciata su carta.

Il perimetro urbano prescelto per l’attuazione del progetto, Mestre, vuole rappresentare la riscoperta di una città romantica, di gallerie, di passaggi, di canali e di vicoli; di parchi, di ville, di sentieri erbosi; di penombre e di squarci di luce tra terra e acqua: la città diffusa per circa un mese capoluogo della poesia italiana.

Leggi anche