Venipedia®

Previsto per i giorni 23, 24 e 25 luglio un possibile superamento della soglia più critica. ARPAV consiglia di tutelarsi e seguire i consigli, per lo meno nelle ore più calde.

A quanto pare sono giorni piuttosto caldi a cui dedicare la giusta attenzione, in particolar modo nella giornata di giovedì 25, dove è previsto un picco della situazione.

Dal comunicato informativo di ARPAV (Informativa del 23-07-2013 sul problema dell'ozono troposferico nel territorio regionale veneto - PDF) si segnala di adottare le misure consone previste in questi casi per tutti i soggetti a rischio (ad es: anziani, bambini, donne in gravidanza, persone affette da problemi respiratori). Le misure consigliate sono:

  • non rimanere all'aperto nelle ore più calde e non intraprendere attività sportive o faticose per il fisico;
  • i soggetti più sensibili (ad es: anziani, bambini, donne in gravidanza, persone affette da problemi respiratori) devono evitare di uscire almeno nella fascia oraria tra le 12:00 e le 18:00.

Va naturalmente ricordato che:

  • i rischi dipendono dalla concentrazione di ozono presente e dalla durata dell'esposizione;
  • in caso di sforzi fisici, l'azione irritante dell'ozono per gli occhi e per le prime vie respiratorie risulta più intensa;
  • gli effetti dell'ozono sono variabili da persona a persona e che eventuali disturbi sanitari collegati tendono a cessare con l'esaurirsi del fenomeno di concentrazione dell'ozono.

Maggiori informazioni dettagliate e ufficiali si possono recuperare nell'informativa succitata e si può tenere sotto controllo la situazione ozono attraverso i dati in diretta e i livelli di ozono (servizi ARPAV).

Ti potrebbe interessare anche... (beta)

Pubblicato: Mercoledì, 24 Luglio 2013 — Aggiornato: Lunedì, 08 Giugno 2015