Venipedia®

Conferenza
da Sab 15/11/2014 a Sab 22/11/2014
Museo Archeologico Nazionale

L'imitazione? Un'arte. Fin dal classicismo, fu un elemento essenziale per l'interpretazione della cultura artistica greca e romana. Due studiosi e autori di libri sul tema aiuteranno lo spettatore nella comprensione del delicato rapporto tra l'opera d'arte originale e la sua copia. 

All'interno del ciclo di conferenze "Riflessi dell'antico", vengono proposti due incontri dedicati al rapporto fra originale e copia, le cui radici secondo studi approfonditi risultano risalire all'epoca classica. Il Museo Archeologico Nazionale di Venezia propone due eventi culturali tenuti da studiosi, nonchè autori di due libri di recente pubblicazione che contribuiscono a colmare una lacuna bibliografica nel settore archeologico in lingua italiana.
 
Sabato 15 novembre 2014, alle ore 11:00, Marcello Barbanera, professore di Archeologia e Storia dell’arte greca e romana all’Università La Sapienza di Roma e autore del volume Originale e copia nell’arte Antica, ripercorrerà  “la storia delle copie”, le tappe fondamentali della (ri)costruzione dell’arte greca, la vera storia delle repliche del mondo romano ed infine terminerà con il dibattito attuale sull'argomento.
 
Sabato 22 novembre, sempre alle ore 11:00, Anna Anguissola, archeologa e normalista ora alla Ludwig-Maximilians- Universität di Monaco nonchè autrice del volume «Difficillima imitatio» Immagine e lessico delle copie fra Grecia e Roma, affronterà la questione legata alla riproduzione d’arte sotto il profilo delle testimonianze letterarie, per conoscere le categorie critiche che i contemporanei applicavano al fenomeno. Sarà in particolare valorizzata l’importanza del decodificare il codice di comunicazione visuale del mondo antico, evidenziandone, attraverso alcuni esempi, i meccanismi di scomposizione e ricomposizione della memoria.
 
L'accesso alle conferenze è ad ingresso libero, fino ad esaurimento posti disponibili (accesso da Piazzetta San Marco, n.17).
 
Entrambi gli incontri saranno registrati e poi visibili in Venipedia TV.

Leggi anche