Venipedia®

Il 30 ottobre 2013 a Cà Foscari è stato presentato il progetto di riqualificazione dell'isola di San Biagio, progetto che non è rimasto immune da un certo turbine di critiche. La registrazione della conferenza stampa è ora disponibile — in esclusiva — su Venipedia TV.

 

È un progetto, quello presentato a Cà Foscari dalla Zamperla Spa, di quelli destinati a dividere fortemente l'opinione pubblica e gli esperti dei vari settori.

Una notizia che ha già fatto il giro del mondo, classificando la proposta come la nuova Disneyland o più direttamente Veniceland. Attributo che viene spontaneo dare per la parte più ludica che è stata descritta, favorito anche dalla presenza di una ruota panoramica in bella vista nei rendering progettuali (le immagini in tre dimensioni elaborate al computer per dare una resa finale del progetto). Un argomento che tocca la sensibilità di moltissimi veneziani, noi compresi, la cui salvaguardia della città sta molto a cuore e che guarda al genere di proposte simil-Disneyland con una certa perplessità.

Gli aspetti di recupero storico e ambientale sono invece quelli che appaiono più interessanti, considerando anche il supporto scientifico da parte di un'istituzione molto attenta alla sostenibilità, in tutti i sensi, qual è Cà Foscari, e che meritano di essere approfonditi.

«Il nuovo Polo di Isola di San Biagio» — citando il comunicato stampa ufficiale — «sarà qualcosa di molto vicino al concetto architettonico e strutturale dei Giardini di Tivoli, a Copenhagen, area immersa nel cuore della città che rispetta e si integra perfettamente nell'ecosistema del giardino circostante, caratterizzandosi però per una connotazione culturale volta a recuperare anche la storia passata per residenti e turisti. Tanti progetti hanno tentato di affascinare Venezia, patrimonio del mondo, dei veneti e dei veneziani, ma troppi sono gli elementi che spesso frenano il cambiamento perché i fragili equilibri di questa città vanno mantenuti e rispettati. La garanzia di questo nuovo progetto deriva dai protagonisti stessi, Fondazione Università Ca’ Foscari e i docenti dell'ateneo per quanto riguarda la parte storica, culturale, di biologia marina e conformazione lagunare, Zamperla attraverso Team Project rispetto a tutte le fasi di progettazione, costruzione e realizzazione. Il progetto Isola San Biagio tra le tante opportunità e i vantaggi porterà alcune certezze: il risanamento di un’area che alla pubblica amministrazione costerebbe diversi milioni di euro e almeno 500 nuovi posti di lavoro, tutto il resto è in più».

Il Magnifico Rettore di Ca’ Foscari Carlo Carraro: «Abbiamo messo a disposizione di Zamperla, le competenze specialistiche di due docenti del nostro ateneo che da anni si occupano delle origini di Venezia e della vita della sua laguna. E' l'esempio di cosa concretamente un ateneo può fare guardando al di fuori di sé e di come il mondo produttivo possa trovare nell'Università un partner capace di dare valore aggiunto a progetti imprenditoriali. In questo caso credo che ci siano due aspetti che meritano di essere evidenziati sugli altri: l'attenzione scientifica prestata nell'analizzare la storia delle origini veneziane e nello studiare l'habitat lagunare per una sua ricostruzione fedele. L'altro è il recupero ambientale di una fetta di città che da discarica diventa luogo ripulito, bonificato e restituito ai veneziani e a chi a Venezia arriva».

Tuttavia non è lo scopo di questo articolo affrontare una analisi in merito, che faremo prossimamente, quanto introdurre la registrazione della conferenza, che abbiamo voluto mettere a disposizione di tutti e che ci sembra il modo più adatto per farsi una prima idea di questo progetto.

Un doveroso ringraziamento a Cà Foscari per la disponibilità.

Galleria immagini

Alberto Zamperla della Zamperla Spa
Magnifico rettore di Cà Foscari: Carlo Carraro
Prototipo del progetto - 1
Prototipo del progetto - 2

Leggi anche