Venipedia®

Evento culturale
da Mer 25/03/2015 a Sab 28/03/2015
Sedi varie

Dal 25 al 28 marzo 2015 torna il Festival Internazionale di Letteratura che elegge Venezia capitale dell’arte della scrittura. Incroci di esperienze, vite, culture e generi dei 29 grandi autori provenienti da 21 diverse nazioni.

Giunto ormai XV edizione, Incroci di civiltà si conferma uno tra i più rilevanti appuntamenti culturali veneziani che si apre allo scambio e al confronto senza pregiudizio. Un'opportunità per fondere idee e conoscenze attraverso le parole e le penne dei più illustri autori internazionali del settore contemporaneo, con la precisa volontà di condividere le proprie esperienze, vite e culture, spesso molto diverse tra loro. 

La kermesse prederà avvio il mercoledì 25 marzo e, per quattro giorni, accoglierà ventinove letterati che rappresentano ventuno Paesi (Belgio, Stati Uniti, Russia, Italia, Danimarca, Corea, Germania, Kenya, Francia, Taiwan, Polonia, Cina, Portogallo, Cuba, Giamaica, Colombia, Armenia, Iran, Brasile, Gran Bretagna, Olanda). Sette i luoghi veneziani interessati dall'evento dall'Auditorium Santa Margherita alla Fondazione Querini Stampalia, dal Multisala Giorgione al Teatrino di Palazzo Grassi e il Teatro Carlo Goldoni, oltre ad un hotel e una trattoria. 

Tra gli innumerevoli incontri, segnaliamo l'appuntamento con il pluripremiato regista statunitense James Ivory in programma per mercoledì 25 marzo, alle ore 17.30, nel Teatro Goldoni dove sarà proiettato il documentario Venice: Theme and Variations, girato dallo stesso Ivory nel 1957 e la sessione speciale, di venerdì 27 marzo, dalle ore 17.30 in Auditorium S. Margheritadedicata a Daniele Del Giudice dal titolo "Venezia città dei lettori" di Mathieu Amalric e "Lo stadio di Wimbledon" (romanzo di esordio di Del Giudice) durante la quale, oltre agli interventi di diverse personalità locali e non, sarà in visione del materiale video legato a Fondamenta, custodito negli archivi del Comune di Venezia. 

Giovedì 26, nell’Auditorium Santa Margherita, si aprirà la prima sessione della decima edizione di Incroci di poesia contemporanea, dedicata ai poeti e ai loro traduttori; quest'anno, per la prima volta, diventa parte integrante di Incroci di Civiltà, con cui condivide uno sguardo allargato sulle nuove voci, note e meno note, della poesia mondiale. Anche nell'edizione 2015, sarà assicurata una sezione speciale riservata ai gialli e, in ricordo del 100° anniversario del genocidio armeno, una riflessione di eccezionale importanza sarà proposta dagli scrittori Mark Mustian e Antonia Arslan, quest'ultima di origini armene. Il Teatrino di Palazzo Grassi, affronterà i temi del ricordo e della memoria con Agata Tuszyńska, Francesco Cataluccio e David Foenkinos mentre alla Fondazione Querini Stampalia si farà tappa in Iran, Brasile e Inghilterra.

Il festival è promosso da Università Ca’ Foscari Venezia, Fondazione Venezia e dal Comune di Venezia, Assessorato alle Attività e Produzioni Culturali, con la partnership di Veneto Banca, The BAUER’S Venezia, Fondazione Musei Civici e Marsilio Editori.

Leggi anche