Venipedia®

Evento culturale
Ven 27/09/2019
Info ingresso non disponibile
Inserito da Polo Museale del Veneto

IlVenetolegge| Maratona di lettura - Venerdì 27 settembre

Una fauna meravigliosa. Doppio appuntamento al Museo d’Arte Orientale

Museo d’Arte Orientale

Doppio appuntamento venerdì 27 settembre 2019 al Museo d’Arte Orientale di Venezia.

Alle ore 16.00, nell’ambito della Maratona regionale di Lettura #ilvenetolegge2019 promossa dalla Regione Veneto in collaborazione con la sezione regionale dell’Associazione Italiana Biblioteche, l’Ufficio Scolastico Regionale, l’Associazione Librai Italiani,  il Sindacato Italiano Librai Cartolibrai, il Museo d’Arte Orientale e il Dipartimento di Studi sull’Asia e Africa mediterranea dell’Università Ca’ Foscari Venezia promuovono l’evento Una fauna meravigliosa. Letture da testi scientifici giapponesi del periodo Edo.

Silvia Vesco, docente di Storia dell’arte giapponese, introdurrà la lettura in lingua originale con traduzione consecutiva di testi da lei scelti per l’occasione.

A prestare la propria voce sarà Hatsumi Ueda, docente nello stesso Dipartimento. Sarà un’occasione unica per scoprire una produzione letteraria e scientifica ancora quasi del tutto inedita in lingue occidentali, che intreccia leggende, osservazioni scientifiche e influenze occidentali, con tutte le conseguenti ricadute anche sulla produzione artistica.

Sono disponibili presso il Museo gli inviti per parteciparvi.

E’ possibile scrivere a pm-ven.orientale@beniculturali.it

Sempre alle 16.00 i bambini tra i 6 e i 10 anni potranno scoprire gli Animali al Museo.

È questo il titolo dell’attività condotta da Elisa de Concini ed Elisa Giacomello, in collaborazione con Venezia dei Bambini, che li terrà impegnati per tutta la durata della conferenza degli adulti.

Non solo impareranno a osservare gli animali rappresentati sulle opere del Museo, con le iconografie più buffe, ma realizzeranno loro stessi degli animali come quelli prodotti da Itō Jakuchū nei suoi paraventi del XVIII secolo, in alcuni dei quali fingeva la tecnica a mosaico. Jakuchū fu un grande sperimentatore, non solo per i suoi studi sulla prospettiva e gli studi dal vivo, ma anche per la sua vicinanza a un gruppo di letterati, bunjin, con i quali condivideva viaggi e creazioni.

La prenotazione all’attività è obbligatoria telefonando allo 041 5241173. Fino a esaurimento posti.

Leggi anche