Venipedia®

Ricevi un contenuto come questo, ogni giorno nella tua e-mail
Un contenuto al giorno, per te è la newsletter che ti tiene compagnia, alle 8 del mattino (e sì, puoi sospenderla quando vuoi).

Scopri di più | Per attivarla accedi con il tuo account o creane uno nuovo.

Abbiamo pensato ad un nuovo modo per farti leggere qualcosa di interessante e al tempo stesso farti conoscere da vicino i nostri libri, se non sono già tra i preferiti nel tuo scaffale.

Gli estratti dei libri sono talvolta semplici... estratti.

Così abbiamo deciso di reinventare questo tipo di contenuti — per ora limitatamente ai libri da noi prodotti, ma in futuro... chissà! — e renderlo un appuntamento piacevole e facilmente consultabile anche dal tuo cellulare, creando un modello di estratti a puntate. Veloci da leggere, facili da navigare, disponibili nella stessa piattaforma dove leggi tutto il resto dei contenuti. Soprattutto, contiamo di svilupparlo con nuove caratteristiche, nel futuro.

Ed ecco subito la prima puntata dei nostri tre libri:

  • Lucilla e il principe di Campotondo — Prima parte
    C’era una volta un re che aveva una figlia così triste, ma così triste, che nessuno l’aveva mai vista ridere. Il re, cercando in tutti i modi di farla divertire, chiamava sempre a palazzo l'uomo che fa ballare i cani, quello che fa vedere il Mondo Nuovo, il burattinaio e perfino l’asino che beve da solo da un bicchiere...
     
  • Del sito di Vinegia. La più antica guida di Venezia — Prima parte
    Quantunque volte pensando meco riguardo de genti diverse la condizione, et di quelle massimamente, che per alcun tempo hanno avuto imperio. Quello innanzi ad ogni cosa ho per certo, quei popoli, che oggi sono et per addietro furono per chiaro nome et ricchezza più che gli altri aver vogliuto, ai quali sia avvenuto aver citta et al riposo della pace, et all’uso della guerra...
     
  • Fuori controllo — Prima parte
    Per la prima volta erano nella stessa stanza. Fisicamente. Sentivano le loro voci, vedevano le loro facce, potevano sfiorarsi le dita mentre si passavano un accendino. Per la prima volta erano insieme ma scollegati. I pc erano spenti, i telefoni smontati, accatastati in un angolo del capanno, lontano dal fuoco del camino che faceva da unica illuminazione assieme ad alcune lampade da campeggio. Non c’era elettricità nella minuscola casa in pietra che una volta dava rifugio ai pastori lungo le pendici di una parete a picco...

Buona lettura!

Leggi anche