Venipedia®

Riceviamo, e volentieri pubblichiamo: 35 metri lineari di miscellanee di fine ‘800 dovranno essere urgentemente sottoposte a trattamenti di conservazione, altri 600 metri lineari circa di pubblicazioni della biblioteca moderna e periodici sono stati completamente sommersi dall’acqua.

A seguito della marea eccezionale che ha coinvolto Venezia nella notte del 12 novembre scorso, la Fondazione Querini Stampalia rileva danni ingenti all’intero piano terra del Palazzo. E’ ancora presto per quantificarli nel dettaglio, anche se ad una prima stima si possono già calcolare in parecchie decine di migliaia di euro.

Ad una prima ricognizione risultano coinvolti in modo significativo l’Area Scarpa, l’Auditorium, i Depositi librari, il Bookshop e la Caffetteria.

Le collezioni d’arte non hanno subito danni, mentre il patrimonio librario purtroppo sì: 35 metri lineari di miscellanee di fine ‘800 dovranno essere urgentemente sottoposte a trattamenti di conservazione, altri 600 metri lineari circa di pubblicazioni della biblioteca moderna e periodici sono stati completamente sommersi dall’acqua. Questi ultimi erano in parte conservati nel Palazzo, in parte custoditi in magazzini esterni, sempre nel centro storico di Venezia.

Risultano fuori uso alcuni impianti e gli ascensori. Danni consistenti alla Caffetteria ristorante. Parte del Bookshop è stata coinvolta pesantemente dalla marea, registrando grosse perdite di pubblicazioni cartacee e oggetti di design, oltre a danni agli arredi.

Coinvolta significativamente anche l’Area Carlo Scarpa, tanto da non risultare più idonea ad ospitare la mostra in corso Luigi Pericle (1916-2001) _ Beyond the visible, chiusa al pubblico anticipatamente rispetto al termine previsto del 24 novembre prossimo.

Il direttore della Fondazione Marigusta Lazzari: “Negli ultimi trent’anni centinaia di migliaia di euro sono stati impiegati in lavori di restauro che hanno messo in sicurezza la struttura dalle acque alte, sino a quota 160 cm. Mirate e quotidiane azioni di riduzione delle spese sembrano vanificate da questo evento drammatico ed è con grande amarezza che dobbiamo registrare che ciò inciderà pesantemente sulla struttura nel prossimo futuro”.

La Fondazione ha disposto la chiusura al pubblico di Biblioteca, Museo e Aree espositive fino a lunedì 18 novembre compreso, per permettere la messa in sicurezza della struttura. Annullate le attività in programma in questi giorni.

Per chi volesse sostenerci lo può fare:

  • attraverso il conto corrente della Fondazione Querini Stampalia presso:
    Banca Nazionale del Lavoro Sede di Venezia
    IBAN: IT 76 O 010 0502 0000 0000 0032 500  
    Causale: Acqua alta_12 novembre 2019
  • con una donazione direttamente dal sito

Sei una istituzione, organizzazione o ente, sei vittima di questa mareggiata eccezionale e hai bisogno di supporto per una comunicazione di emergenza? Scrivici in redazione, faremo il possibile per aiutarti (previo valutazione interna).

Leggi anche