Venipedia®

Esposizione
da Dom 21/06/2015 a Dom 25/10/2015
Caorle
Ingresso a pagamento

Dopo la suggestiva manifestazione letteraria "Flussi Diversi", Caorle torna a parlare di sè con una mostra dedicata all'arte dei maggiori pittori paesaggistici veneti vissuti tra metà Ottocento e metà Novecento.

Perchè non coniugare il rilassamento delle vacanze al mare con l'arte e la cultura? A Caorle si può, dal 21 giugno al 25 ottobre 2015, con una mostra d'arte paesaggistica che coniuga i meravigliosi luoghi veneti con la luce e il colore. Venezia e la sua laguna, il mare, la campagna e la montagna sono le vedute esposte nel Centro culturale Bafile di Caorle che, partendo dagli ambienti vissuti dall'artista, toccano le corde più profonde e silenziose del genere umano. Tra i numerosi panorami reali veneti, sono presenti alcune tele rappresentative di luoghi immaginari — emotivi e senza territorio - che esaltano l'invisibile e l'intuizione di un momento vissuto, frutto dell'influenza della luce, dell'aria e del colore. 

L'evento espositivo è promosso dal Comune di Caorle, dalla Fondazione Terra e Acqua, dalla Fondazione Santa Cecilia e dal Museo del Paesaggio a Torre di Mosto (Ve) e rappresenta il periodo storico-artistico veneto di transizione, in atto tra Ottocento e Novecento. I curatori, Stefano Cecchetto e Maurizio Vanni, coadiuvati da un prestigioso comitato scientifico, hanno selezionato circa 120 opere di artisti, appartenenti alla corrente veneta e toscana, che hanno contribuito a scrivere, in maniera significativa, una pagina nuova dell’arte moderna, segnando la svolta di un percorso strutturale dell’espressione artistica secondo un differente punto di vista.

Cinque i filoni espositivi secondi i quali è organizzata la mostra:

  • Venezia e il suo immaginario: una suggestiva panoramica dedicata alla città delle meraviglie, qui ritratta nelle diverse ore del giorno e della notte;
  • La montagna, nei luoghi e dello spirito: il monte quale luogo dove l'artista ritrova se stesso nella contemplazione dell'infinito, casa dell'anima e oasi tranquilla della mente; 
  • Percorsi d'acqua: alcune isole della laguna, da Burano a Mazzorbo a San Francesco del Deserto sono raffigurate quali emblemi nella metamorfosi del paesaggio, tra la pace della laguna e la forza del mare;
  • La campagna e i luoghi della memoria: il neoclassicismo, il romanticismo, il realismo e l'impressionismo sono in dialogo con le vedute en plein air dei Macchiaioli e degli artisti veneti;
  • Omaggio a Luigi de Giudici: artista che ha saputo sviluppare il suo itinerario artistico nell’ambito delle avanguardie del suo tempo.

Questi i protagonisti della mostra che animeranno, con i loro capolavori, le cinque sezioni espositive: Giovanni Boldini, Giovanni Fattori, Telemaco Signorini, Angiolo e Lodovico Tommasi, Angelo Dall'Oca Bianca, Luigi Nono, Ippolito Caffi, Ettore Tito, Gennaro Favai, Alessandro Milesi, Teodoro Wolf Ferrari, Gino Rossi, Umberto Moggioli, Guglielmo Ciardi e i figli Emma e Beppe, Astolfo de MariaPietro Fragiacomo, Luigi De Giudici, Virgilio Guidi e Felice Carena.

La mostra è visitabile, a pagamento, nei mesi di giugno, luglio e agosto tutti i giorni dalle 16:00 alle 23:00 mentre nei mesi di settembre e ottobre, fino al 25, solo venerdì, sabato e domenica dalle 10:00 alle 18:00.

Galleria immagini

Gino Rossi, San Francesco del deserto, 1912, olio su cartone intelato, cm 44,5x70,5 Venezia, Fondazione di Venezia
Astolfo de Maria, Dal balcone centrale della Casa dei Tre Oci, 1936, tempera su cartone, cm 51x69,5 Venezia, Fondazione di Venezia
Emma Ciardi, Luce di Maggio, 1920, olio su tela, cm 68,5x92,5 Venezia, Fondazione di Venezia.
Luigi (Gigi) De Giudici, Paesaggio del Lido, 1933, olio su tavola, cm 26,9x37, Collezione privata.
Ettore Tito, Fondamenta veneziana, olio su tela, cm 60x87. Collezione privata. Ph. Ottica Nodari.
Giovanni Boldini, Veduta di San Marco, olio su tela, cm 50x61, Collezione privata
Guglielmo Ciardi, Vele al sole olio su tela, cm 86x104, Collezione privata. Ph. Ottica Nodari.
Alessandro Milesi, Conversazione in terrazza, olio su tela, cm 75x105, Collezione privata.

Leggi anche