Venipedia®

Conferenza
Mer 24/02/2016
Fondazione Querini Stampalia
Ingresso gratuito

In preparazione dell'esposizione dedicata al grande umanista ed editore veneziano, la Fondazione Querini Stampalia ospita una conferenza gratuita con i curatori per approfondire la forte connessione tra l'editoria e l'arte.

In occasione delle celebrazioni per il V° centenario dalla morte di Aldo Manuzio, dopo il programma di eventi del 2015 Aldo ai lettori organizzato dalla Biblioteca Nazionale Marciana, continuano i riconoscimenti della città lagunare al grande editore veneziano, proponendo una mostra alle Gallerie dell'Accademia, dal 19 marzo al 19 giugno 2016Aldo Manuzio e il rinascimento di Venezia

Aldo Manuzio, considerando ancora oggi il propulsore della tipografia del suo tempo e il primo editore in senso moderno, oltre che l'ideatore del carattere corsivo, viene celebrato con un'esposizione che non si limita a mettere in luce il Hypnerotomachia Poliphili, il suo libro illustrato più celebre e raffinato, ma vuole soprattutto dimostrare come egli con la sua opera abbia inciso anche nell'arte cinquecentesca veneziana.

Aldo ebbe la capacità di rendere disponibili al pubblico di studiosi e di letterati del suo tempo i grandi classici della cultura greca, da Omero ad Aristotele, da Sofocle a Euripide a Tucidide, per poi raccogliere i testi latini da Virgilio a Cicerone, da Orazio a Ovidio, a Catullo, a Properzio, Lucrezio, Giovenale, Marziale, e ancora ebraici e italiani della nuova letteratura in volgare.

A seguito della riscoperta della poesia greca e latina, viene abbandonata la visione pittorica tipicamente medievale di una natura ostile all'uomo lasciando spazio ad una nuova prospettiva artistica che porta alla creazione di paesaggi rilassanti e rassicuranti. È così che abbiamo modo oggi di deliziarci dei capolavori assoluti di Giorgione, Carpaccio, Giovanni Bellini, Cima da Conegliano, Tiziano, Lorenzo Lotto, Pietro Lombardo, che da questa innovazione sono stati fortemente condizionati.

Di questo si parlerà mercoledì 24 febbraio 2016 con i curatori Guido Beltramini, Davide Gasparotto e Giulio Manieri Elia, nella sede della Fondazione Querini Stampalia, per un incontro di approfondimento in attesa dell'apertura della mostra del 19 marzo prossimo. Seguiranno, poi, incontri a Portogruaro il 3 marzo nella Biblioteca Civica, il 9 marzo a Treviso alla Fondazione Benetton e infine a Padova il 10 marzo presso la Fondazione Cassa di Risparmio di Padova Rovigo.

Ti potrebbe interessare anche... (beta)

Pubblicato: Domenica, 21 Febbraio 2016 — Aggiornato: Lunedì, 22 Febbraio 2016