Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Tempo di lettura: 1 minuto

Amato dal pubblico per la sua indiscussa simpatia e per il suo essere credulone e fiducioso nel prossimo; non a caso, spesso è vittima di raggiri.

Costantemente affamato e alla ricerca di migliorare la propria situazione, i suoi atteggiamenti sono maldestri e i suoi movimenti sono agili, veloci e acrobatici.

La maschera della Commedia dell’Arte più apprezzata dal pubblico per il suo essere sempliciotto ed ingenuo, oltre che per il suo modo di fare spontaneo e l’abito coloratissimo.

Deriva dalla Bergamo bassa a differenza del suo compagno di sventure Brighella,  è denominato secondo zanni (nella Commedia dell’Arte i zanni erano i servitori) deriso da tutti ma conteso da molte nazioni.

Spesso frodato e imbrogliato per il suo scarso intelletto e per la sua goffaggine, vive di espedienti alla perenne ricerca di cibo, svolge mestieri umili ed è truffaldino e ruffiano di natura. Gestualità singolare e complessa, si muove agilmente saltando quasi sempre sulle punte da sembrare quasi una danza, parla un bergamasco di un’epoca passata.

Vestito semplice e ricco di toppe irregolari di tutti colori, berrettino bianco e cintura corredata dal mescolo di legno per la polenta denominato batocio. Naso schiacciato e coperto da una mascherina di colore nera dai connotati felini a volte dotata di grandi sopracciglia e baffi, bernoccolo sulla fronte.

Altri luoghi da scoprire

Pubblicato: Lunedì, 04 Febbraio 2013 — Aggiornato: Sabato, 17 Gennaio 2015

Missiva — La newsletter di Venipedia

Ricevi comodamente gli aggiornamenti, le anticipazioni e le novità di Venipedia nella tua casella postale.