Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Tempo di lettura: 2 minuti

Non un abito carnevalesco ma un simbolo di morte utilizzato per ricordare quanto dolore e sofferenza questa malattia portò a Venezia.

Guardando la maschera bianca a forma di becco ricurvo, si fa presto ad associarla al becco di un avvoltoio, uccello notoriamente associato alla morte.

A Venezia la peste è stata una piaga che ha nei secoli, periodicamente afflitto la popolazione, decimandola; considerando le scarse conoscenze mediche, ci si affidava a Dio, alla Madonna o ai Santi costruendo templi votivi e si cercava di tamponare al meglio l’epidemia a livello sanitario impedendo la diffusione del contagiio. A tal fine si pensò (all’inizio del XVII secolo) a un particolare vestiario per chi si esponeva al pericolo di trasmissione della malattia.

Questo travestimento veniva utilizzato da el medico deła peste ovvero dal dottore che andava a far visita ai pazienti colpiti da questo morbo; dotato di occhiali, guanti e bacchetta, con la quale sollevava le vesti della gente ammalata, si pensava che questo abito potesse garantire al medico la protezione dal contagio.

Veste composta da una tunica nera di lino o di tela cerata lunga fino alle caviglie e da una inconfondibile maschera bianca assomigliante a un funebre avvoltoio (a forma di becco adunco).

L’origine sembra essere di un medico francese, Charles de Lorme, e risalente al XVI secolo.

Una riproduzione del vestiario e degli strumenti utilizzati dal medico della peste, sono presenti nell'isola del Lazzaretto Nuovo.

Altri luoghi da scoprire

Prima pubblicazione: Martedì, 22 Gennaio 2013 — Ultimo aggiornamento: Martedì, 21 Febbraio 2017

Missiva — La newsletter di Venipedia

Ricevi comodamente gli aggiornamenti, le anticipazioni e le novità di Venipedia nella tua casella postale.