Venipedia: molto più di un'enciclopedia di Venezia. – La miglior guida di Venezia.

Tempo di lettura: 1 minuto

Mattacchiona, impertinente e dispettosa: questi potrebbero essere i titoli attribuiti a questa maschera, ricordata per il suo passatempo preferito, il gioco delle ova.

Infatti, coloro che decidevano di indossare questo vestiario, erano soliti imbrattare le adornate vesti delle dame in passerella con uova contenenti, nel migliore delle ipotesi, acqua aromatizzata alle rose.

Curiosa in quest’ambito la recente ripresa di una maschera veneziana antichissima, non a caso abbastanza astratta per sua natura, in associazione ai flussi della migrazione turistica, ma non ristretta al periodo del Carnevale e diffusa lungo tutto l’anno. 

Si tratta del Matasin o Mattaccino, variante veneta del fool dell’Europa medievale, il cui tratto distintivo, il berretto a sonagli a strisce o variopinto è ricomparso negli anni ’90 sulle bancarelle, riscuotendo notevole successo, a giudicare dalla confidenza che sembrano aver preso con esso soprattutto i turisti più giovani o più ingenui. Il Mattaccino lanciava uova, nel migliore dei casi profumate, sulla folla festante, che lo amava e lo temeva; il turista desume oggi, dal suo copricapo vistoso, l’allegro contrassegno della propria vacanza veneziana.

(mv) (as)

Altri luoghi da scoprire

Pubblicato: Giovedì, 17 Gennaio 2013 — Aggiornato: Sabato, 17 Gennaio 2015

Missiva — La newsletter di Venipedia

Ricevi comodamente gli aggiornamenti, le anticipazioni e le novità di Venipedia nella tua casella postale.