Venipedia®

Figlio del doge Bertuccio, aveva 64 anni (era nato il 28 marzo 1630) e la fama di esperto giocatore di carte: ne portava sempre un mazzo in tasca e quando perdeva scoppiava a ridere, facendo buon viso a cattivo gioco.

Contrariamente al padre era procuratore di S. Marco de supra, titolo che aveva comprato versando all’erario 20.500 ducati.

Ad appena 19 anni aveva sposato Elisabetta Querini, che fu poi eletta dogaressa in contrasto con la legge del 1646 che lo proibiva.

Anche Silvestro, come il padre morì di gotta e otto anni più tardi lo raggiunse la consorte, con lui sepolta nella Chiesa di S. Giovanni e Paolo (Castello).

 

(gidi)

Galleria immagini

Incisione raffigurante il doge Silvestro Valier
Lo stemma del doge Silvestro Valier

Viaggiare è meraviglioso, se viaggi nella conoscenza lo è doppiamente. Con Venipedia Supporter ricevi la newsletter Cinque dall'Enciclopedia, ogni lunedì alle 9 in punto. In più è un buon modo per aiutarci a rendere questo viaggio insieme sempre più partecipativo, confortevole, utile e stimolante: nella conoscenza, nella scoperta, nell’esplorazione, nella bellezza, nell’ispirazione e in quanto può migliorare il futuro di tutti noi. Giorno dopo giorno. Supporta la qualità di Venipedia, con soli 29€ l'anno

Sempre tuoi,
i Mastri Venipediani

Abbonati a Venipedia Supporter

Venipedia Supporter è un abbonamento annuale che ti dà accesso a servizi aggiuntivi (come la newsletter Cinque dall'Enciclopedia e l'area La tua voce, che si rinnova automaticamente alla scadenza se non decidi di disdirlo o sospenderlo, dalla tua area personale (devi avere un account Venipedia).

Leggi anche